Foibe, scarsa partecipazione al convegno del Comune

Il Comune di Bari ha doverosamente celebrato la Giornata del ricordo.

Ne diamo volentieri atto.

Il convegno, organizzato nel pomeriggio dell'11, si è svolto in un'aula consigliare semi deserta. Presenti solo venti persone, nessuno studente.

Il tema, si sa, non è molto noto. Per cinquant'anni lo si è anche negato. Per la stragrande maggioranza degli italiani lo stesso termine foibe era ed è sconosciuto. Tutto questo avrebbe richiesto uno sforzo e una cura maggiore nell'organizzazione del convegno. Evidentemente, non c'è stato. Un appunto vogliamo muovere al Comune e agli organizzatori.

Celebrare quasi in sordina e, forse, solo perchè una legge ne fa obbligo una giornata nazionale così importante e dolorosa equivale ad oltraggiare ancora una volta quelle povere vittime dimenticate. Meglio evitare.

Quanto ai contenuti del convegno, poi, lodevole l'impegno di ricostruzione storica, ma molta attenzione al linguaggio. Certo, si è ammesso che la repressione è stata terrificante, ma la parola foiba non è stata mai pronunciata. La rimozione continua. Nonostante la legge.

Share
Scritto da Redazione