testata_web_pdo_5verde.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Decentramento, la politica nicchia, la società civile discute

Decentramento. Si riuscirà mai a Bari a percorrere la strada che porta ad una nuova forma di divisione amministrativa cittadina, coerentemente con l'esigenza di giungere alla definizione del capoluogo pugliese come Area Metropolitana?

Intanto il Comitato "Municipi per Bari", guidato da Antonio Gadaleta, continua la sua opera di sensibilizzazione con l’obiettivo che a Bari si realizzi un vero Decentramento comunale attraverso i Municipi, al rango di veri comuni metropolitani, proiettati verso il percorso dell’istituzione dell’Area Metropolitana con la conseguente abolizione della provincia.

Nel corso di questi ultimi anni molti Cittadini e rappresentanti di comitati, associazioni e movimenti hanno dato il loro significativo contributo, a partire dal compianto Giovanni Maurogiovanni, co-fondatore del Comitato, ma il riscontro alle aspettative tarda a concretizzarsi e si assiste a continui rinvii degli Organi comunali preposti all’attuazione di un Decentramento, comunque non di  facciata, con conseguente delusione e distacco dei Cittadini dalle Istituzioni.

Per questo motivo martedì prossimo, 18 giugno, è stato organizzato un confronto-dibattito tra Associazioni, Comitati, Movimenti ed Istituzioni cittadine sul tema "Municipi, funzioni e bilancio partecipato, nella visione strategica dell'Area Metropolitana".

L'incontro si terrà presso la Sala Circoscrizionale delle Associazioni, in via Lazio 5, nel quartiere San Paolo, a partire dalle ore 18.30.

Introdurrà l'incontro Gadaleta, e presenzierà il Presidente della Seconda Circoscrizione cittadina Aldo Iannone.

Sono previsti gli interventi di Nicola De Toma (Associazione Lavoratore Stanic), Domenico Lomazzo (Ex-Consigliere circoscrizionale Palese-S. Spirito), Eugenio Lombardi (Laboratorio Urbano Bari), Mara Giampaolo (Assessore Comunale al Decentramento), Carlo Paolini (Consigliere comunale, Presentatore della Petizione Popolare promossa dai Comitati per il decentramento) e Ninni Cea (Coordinatore opposizione consiglio comunale di Bari).

E' prevista anche la presenza del sindaco di Bari Michele Emiliano.

"Dopo l’Atto di Diffida trasmesso tramite l’Ufficiale Giudiziario al comune di Bari, qualcosa sembra muoversi - spiega Gadaleta - per superare l’inadempienza amministrativa che decorre dal 18 agosto 2000 per la mancata applicazione della disposizione di legge (v. comma 5 art. 17 del Tuel). Si parla di istituire i Municipi come da previsione statutaria e regolamentare, la volontà è pressoché nulla e le divisioni tra le forze politiche sono utili soltanto a rinviare il tutto o a realizzare Municipi di facciata in assenza di risorse di bilancio e di funzioni, all’insegna della riconferma di un comune accentrato nelle sue funzioni e negatorio della Partecipazione democratica dei Cittadini”.

Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %