testaa_web_pdo_5blu.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Tribunale di Barletta: deroga in vista?

Sarebbe in arrivo una proroga dell'entrata in vigore della nuova geografia giudiziaria, con la concreta possibilità di deroghe per l'accorpamento o l'eliminazione di alcune delle sedi distaccate dei tribunali nelle città più grandi, soprattutto nel Sud Italia. È quanto si apprende da fonti ministeriali. Il ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri sarebbe intenzionata a spostare il termine, previsto per il 13
settembre, di qualche mese per consentire un'adeguata riflessione sulle conseguenze, soprattutto in alcuni territori, che l'accorpamento di tribunali comporta.

Oltre alla proroga, ci sarebbero anche delle deroghe, si parla di una decina, per alcuni Comuni soprattutto del Sud d'Italia, tra cui probabilmente anche Barletta.

Ma proprio sul tribunale di Barletta si concentra la politica pugliese, soprattutto con gli esponenti barlettani in Consiglio Regionale. Per Franco Pastore (Gruppo Misto-Psi) è indispensabile che una forte determinazione ad opporsi alla chiusura sia sancita domani dal consiglio comunale.

Per domani, infatti, è stato convocato con urgenza, dalla Presidente Carmela Peschechera, presso la Sala Consiliare al 1° piano del Teatro “Curci” , il Consiglio comunale monotematico sulla questione della chiusura del tribunale.

“Il Comune di Barletta assuma la responsabilità di opporsi, formalmente, nei modi e nelle sedi opportune al diniego della possibilità di mantenere la sede del tribunale a Barletta. Diniego basato, stando alla nota del Ministero, sull’articolo 8 del D.lgs.n. 155 del 2012”.

“L’edificio presso il quale l’ex sezione distaccata aveva sede – si legge nella nota esplicativa inviata dal ministero e diffusa dal sindaco - non possiede le caratteristiche imposte dall’art.8 cit. che ne consentano un suo utilizzo a servizio della sede accorpante”.

“Ritengo – aggiunge Pastore - che si possa entrare nel merito e contestare tale aspetto ed è una via da percorrere, nella legittimità e consapevolezza di operare nel modo giusto ed efficace”.

Sancita tale volontà dal consiglio comunale, il consigliere regionale Pastore propone che “l’Amministrazione comunale la faccia propria, avvalendosi di un pool giuridico, composto da avvocati e tecnici facenti riferimento alle associazioni impegnate nella lotta a difesa del tribunale di Barletta, quali l’Udai, lo stesso ordine degli avvocati e le altre esistenti e operanti in città”.

Su una linea parallela di contrasto alle scelte del ministero è anche il consigliere regionale del Pd Ruggiero Mennea, secondo cui "dobbiamo insistere per la deroga. Diamoci da fare".

Scritto da Redazione
Newsletter



Invest
IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %