testaa_web_pdo_5rosso.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Bari: dopo 37 anni ci riprova per il Pug

Dopo 37 anni il Comune di Bari sembra essere, finalmente, giunto al punto di svolta per l'adozione del suo nuovo Piano Urbanistico Generale. È stato sottoscritto, infatti, questa mattina il contratto per l’elaborazione del PUG della città di Bari affidato ad un gruppo di progettisti guidati da Bruno Gabrielli, professore emerito dell’Università di Genova.

Gli obiettivi e le modalità dell’incarico sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa alla quale sono intervenuti il sindaco di Bari Michele Emiliano, l’assessore all’Urbanistica Elio Sannicandro e il professor Bruno Gabrielli.

“Oggi parte formalmente il grande lavoro per la redazione del piano urbanistico generale della città di Bari - ha dichiarato Elio Sannicandro - le cui linee di indirizzo sono già state esplicitate nel DPP (documento preliminare programmatico) approvato dal Consiglio comunale l’anno scorso. Il nuovo PUG sostituirà l’ormai obsoleto piano Quaroni, approvato nel lontano 1976 e ritenuto superato sia dal punto di vista tecnico sia dal punto di vista culturale e metodologico. L’amministrazione comunale, nella persona dell’architetto Anna Maria Curcuruto a capo dell’Ufficio di piano, seguirà il lavoro del gruppo di progettazione in un dialogo costante a garanzia dell’armonia dello sviluppo del Piano.”

“Innanzitutto mi dispiace che oggi manchi intorno a questo tavolo il professor Nigro - ha detto il sindaco Michele Emiliano - che ha coordinato la redazione del DPP della città di Bari interpretando al meglio il suo ruolo alla guida di un prestigioso gruppo di lavoro. Vorrei ringraziare il professor Gabrielli che ho conosciuto solo stamattina ma che ha avuto modo di trasmettermi immediatamente la sua passione e la sua grande competenza in materia di progettazione urbana. Mi preme dire che dietro l’incarico che affidiamo formalmente oggi c’è un lavoro politico straordinario per una città che fino a qualche anno aveva determinato un eccezionale consumo di suolo non solo in ragione delle errate previsioni del piano Quaroni - che ipotizzava una crescita costante della popolazione che invece non si è verificata - ma anche in virtù di una concezione della città fondata sullo spreco di suolo ma, più in generale, di risorse. Essere arrivati a questo risultato - ha proseguito il sindaco - rappresenta un atto simbolico fortissimo che chiude due mandati amministrativi contraddistinti da un deciso cambio di passo e da nuove idee di sostenibilità alla base della progettazione urbana. Il mio auspicio è che la prossima amministrazione - quale che sia - si dimostri all’altezza di gestire un compito così importante garantendo le dovute terzietà e tutela dell’interesse pubblico nelle fasi di realizzazione del piano. Personalmente non posso che ringraziare per questo risultato l’assessore Elio Sannicandro e il suo staff di lavoro insieme alla dirigente della ripartizione Urbanistica ed Edilizia privata Anna Maria Curcuruto. Sono certo che il nuovo PUG ci consegnerà l’idea di una Bari futura pensata per mezzi pubblici e pedoni, una città in cui architettura e urbanistica collaborino per salvaguardare paesaggio e bellezza, concependo gli spazi come una scenografia armonica con il territorio e con la vita delle persone”.

Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %