testata_web_pdo_5verde.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Foggia: il Centro Anti Violenza chiede più collaborazione

 

La violenza mortifica il corpo, uccide la mente, crea paura. Con questo messaggio il C.A.V. –Centro Anti Violenza- del Comune di Foggia ha presentato le sue attività durante la “Notte in Rosa” del capoluogo dauno. Innanzi al Pronao della Villa Comunale di Foggia con un gazebo allestito dal Comune di Foggia, il C.A.V. ha presentato i risultati del lavoro svolto a tutela delle donne, e non solo. Con brochure e volantini e volontariato, la “Notte in Rosa” è stata arricchita di comunicati importanti: “Ogni persona può trovare la forza per uscire dalla violenza: esci dall’ombra”, “Essere liberi è un tuo diritto… rompi il silenzio, ti sentirai meglio”.

Organizzata dall’Associazione “Donne in Rete”, con il patrocinio delle istituzioni locali e regionali e relativi assessorati, l’evento ha visto scendere in piazza decine di associazioni con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica, la politica, associazioni e terzo settore, cittadine e cittadini, sui problemi che oggi, ma da sempre, le donne combattono quotidianamente per essere parte attiva e protagonista della vita pubblica e privata della società. “Notte in rosa”con il Centro Anti Violenza non è solo combattere il  femminicidio e la violenza in genere, bensì cultura della donna e sua tutela.

«Al momento abbiamo donne e loro figli tutelate dalle istituzioni con misure cautelari –ribadisce  la dott.ssa Lara Vinciguerra, coordinatrice del Punto d’Ascolto del C.A.V. di Foggia-. Alcune nostre ospiti risiedono in case rifugio collegate al C.A.V., protette dalle istituzioni per ovvie ragioni di sicurezza. Un dato importante da porre in evidenza –prosegue la dott.ssa Vinciguerra- che dal 01-09-2011 al 21-09-2013 il Punto d’Ascolto del C.A.V. del Comune Foggia è passato da 16 casi seguiti a 50. Un bel dato che ci rincuora ma che non ci fa abbassare l’attenzione e soprattutto l’ascolto. Come siamo abituate a comunicare “Ascolto e Accoglienza” sono le priorità che ci siamo date congiuntamente con una professionale consulenza legale che individualmente ascolta i casi denunciati e mette in campo tutti gli strumenti giuridici e a sostegno che la legge e la collaborazione tra istituzioni può e deve sostenere. Il nostro centro offre consulenze psicologiche individuali e di gruppo, accompagnando “la vittima” a riprendere una vita serena e sicura. Fin dalla sua nascita il Centro Anti Violenza – afferma la Vinciguerra- si avvale della preziosa collaborazione dell’associazione “Donne Insieme”, presieduta da Celestina Guastamacchia, che è sempre presente sul territorio. Questa per noi è una collaborazione importante. L’appello che voglio lanciare, approfittando dell’evento della “Notte in Rosa” – termina la coordinatrice del Punto d’ascolto del C.A.V. Lara Vinciguerra- è quello che vi sia una maggiore collaborazione da parte di tutti i soggetti coinvolti rispetto all’iniziativa del C.A.V. e che non sia solo un lavoro delegato a noi, all’Amministrazione Comunale e a “Donne Insieme” che si stanno adoperando alacremente sia per gli obiettivi prefissati, sia per future iniziative».

Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %