testata_web_pdo_5arancione.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Bari, che si fa comunità

Forse, anzi, quasi sicuramente riuscirà a nascere prima dell'Area Metropolitana. E sarà un bene se poi perseguirà lo scopo di orientare e guidare gli amministratori in questa sfida che, al momento, appare utopistica per Bari, città che tende a disperdersi e a dimenticarsi di sè.

E' questo, in sostanza, il senso della firma del Protocollo d’Intesa tra il Comune di Bari e il Nucleo Promotore per la costituzione della Fondazione della Comunità Barese. Hanno firmato il documento il sindaco di Bari, Michele Emiliano, e il presidente della cooperativa sociale Esedra, Antonio Ressa, in qualità di organizzazione portavoce di un partenariato più ampio, comprendente altre 14 organizzazioni. 

L’iniziativa è il primo passo di un percorso che intende portare nei prossimi mesi alla costituzione della prima fondazione comunitaria in Puglia. Le fondazioni comunitarie sono enti di diritto privato aperte alla partecipazione di una pluralità di soggetti (enti del privato sociale, imprese, associazioni di categoria, consorzi, privati cittadini), che si pongono l’obiettivo di rispondere ai bisogni dei cittadini in forma sussidiaria rispetto alle politiche e alle risorse pubbliche esistenti, peraltro drammaticamente in calo negli ultimi anni.

La Fondazione della Comunità Barese, in particolare, intende porsi fra gli obiettivi: promuovere la cultura del dono e del volontariato tra i cittadini e le imprese; finanziare interventi in materia culturale e di welfare (tutela dei minori, contrasto alla povertà, lotta all'emarginazione e alla dispersione scolastica, legalità, disagio abitativo, integrazione); promuovere la creazione di imprese sociali in campi quali - ad esempio - le energie alternative o l’utilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata, al fine di generare occupazione e risorse economiche in grado di finanziare la stessa Fondazione.

Il Nucleo Promotore è costituito al momento da 14 diverse organizzazioni operanti nel territorio barese, che da diversi mesi hanno avviato il dibattito ed elaborato una bozza di modello operativo e di piano strategico per la Fondazione della Comunità Barese. Si tratta di Legacoop Puglia, Istituto Salesiani SS Redentore di Bari, Associazione Culturale Radio Kreattiva, Cooperativa Sociale Lavoriamo Insieme, Cooperativa Sociale Occupazione e Solidarietà, Centro Sociale ACLI Don Mimmo Triggiani, Unione Sportiva Nuova San Paolo, Centro Universitario Sportivo – CUS Bari, Associazione Culturale Ci.Me., Cooperativa Equal Time, Cooperativa Meridiana, Teatro Kismet OperA, Cooperativa Sociale Nuovo Fantarca, Cooperativa Sociale Tracceverdi.

Il soggetto portavoce del Nucleo Promotore è la Cooperativa Sociale Esedra, storico soggetto operante nella città di Bari sin dal 1982, con servizi educativi e promotrice del progetto “San Paolo Social Network”, uno degli interventi “esemplari” nel Mezzogiorno sostenuti dalla Fondazione CON IL SUD per favorire lo sviluppo del Quartiere San Paolo di Bari.

Un organismo che, alla luce della crisi economica devastante, non mancherà di incidere, così di augura uno dei fondatori che desidera mantenere l'anonimato, sulle buone pratiche di contrasto al disagio sociale e all'impoverimento crescente di fasce sempre più larghe e deboli di popolazione. 

In pieno spirito, ci permettiamo di aggiungere noi, con lo Statuto della Città di Bari, che sancisce una forma più alta e partecipata di cittadinanza, attiva e consapevole dei destini dell'intera comunità.

Scritto da Fortunata Dell'Orzo
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %