testata_web_pdo_5verde.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Bari, servono intese ben oltre le posizioni personali

Cosa fare per Bari? Quale deve essere il programma dei politici e dei futuri amministratori del capoluogo pugliese? Quali devono essere le proprità? In molti parlano di case, di famiglie in difficoltà, del lavoro che non c'è, del commercio, della zona industriale, ma anche dei tavolini di via Sparano, deli locali aperti tutta la notte nella città vecchia, del whi-fi che non funziona, dei buchi nelle strade e perfino dei centimetri di larghezza delle piste ciclabili (per le quali prima si aprono i cantieri e poi, eventualmente, si possono anche correggere gli errori fatti, secondo le parole di un candidato alle primarie del centrosinistra n.d.r.).

Intanto, riceviamo e pubblichiamo una dichiarazione di Eugenio Lombardi, uno dei candidati alla carica di primo cittadino, su un incontro di domenica scorsa, da cui è possibile trarre utili ed interessanti spunti su come dovrebbe essere affrontata una diatriba politica. A Bari, invece, siamo ben lontani dacerti livelli di correttezza politico-istituzionale. Molto ma molto lontani. Ecco il testo:

Domenica mattina, invitato insieme a tutti gli altri candididati-sindaci, ho partecipato alla manifestazione di solidarietà promossa contro lo sfratto da un luogo di estremo degrado della famiglia Marcato, sul lungomare a sud di Bari. Conoscevo quei capannoni diroccati, quell'area di assoluta assenza di possibilità di vita. Ma non sapevo che lì, invece, ci vivono e in molti. Un inferno dantesco, acuito dal contrasto con la dignità di queste persone che si sono ritrovate da tempo in gravi difficoltà, ma che non hanno mai chiesto aiuto passivo, bensì possibilità di lavorare per vivere.

C'erano altri due candidati, Desirèe Digeronimo e Pietro Petruzzelli e c'erano alcune televisioni, sempre interessate quando c'è una qualche notizia di gente in difficoltà.

Ho urlato rabbia, perchè una città che pretenda di essere trainante nel panorama mediterraneo non può permettersi di affrontare senza nessuna capacità di risolverle emergenze estreme come questa. Da sempre, le situazioni drammatiche vengono affrontate e risolte per impegno del volontariato o di qualche politico che giunge all'ultimo momento, quando per anni non si era preoccupato di intervenire in modo strutturale.

La famiglia Marcato, insieme ad altre, la si vorrebbe trasferire al rione Tamburi, a Taranto, strappandola dai rapporti parentali radicati a Bari, dal diritto a vivere dignitosamente dove resistono barlumi di speranza in un domani migliore. Case popolari ci sono anche a Bari, molte occupate abusivamente con connivenze istituzionali e criminali. Partiamo da questa situazione, mentre si risolve la drammaticità di questo caso, cosa che si proverà a fare domattina in un incontro con il Prefetto che già, come ci ha informati Gianfranco Algieri, è stato attivato.

Ma intanto, il mio è davvero un urlo: BASTA!

Siamo in campagna elettorale? alcuni si stanno inventando ora l'amore per il bene comune e per gli altri, ma non importa, va bene anche così.

Solo che ora tutti noi, NESSUNO ESCLUSO, ci prendiamo le nostre brave responsabilità, ci incontriamo, discutiamo e firmiamo un impegno pubblico perchè chiunque vada a fare il sindaco di tutti, PENSI A TUTTI e non solo alla parte che l'ha sostenuto.

Non lo dico tanto per me, che sostegni di parte non ne ho e non ne avrò, ma specialmente per chi, in modi più tradizionali, viene sostenuto da parti politiche. Le questioni principali, su cui si basano il futuro di questa città, la socialità, la civiltà del vivere, la qualità fisica, culturale, economica di Bari, non possono essere affrontate come questioni di parte e con soluzioni destinate solo a quella parte.

DEVE ESSERCI UNA INTESA CHE VADA OLTRE LE PROPRIE POSIZIONI. E deve essere una intesa vera e realizzabile.

Chi ci sta batta un colpo.

Engenio Lombardi
candidato sindaco di Bari
Scritto da Roberto Mastrangelo
Newsletter



Invest
IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %