testaa_web_pdo_5blu.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Crateri: Foggia come Bagdad?

Crateri a Foggia? Certo, pur non avendo vulcani. Camminando per Foggia, a piedi, con l’auto, con la bici, in motocicletta, con le carrozzine, non si può far a meno dello zig-zag. Un andamento obbligato se non si vuole incorrere in cadute, infortuni, rotture di semiassi di caviglie, femori, etc…

Foggia come Bagdad, un susseguirsi di buche, di rovine, di aree degradate, pericolose.

Oggi è un giorno speciale. A Foggia c’è il nuovo Sindaco. Nel suo programma c’è anche la sistemazione urgente delle strade di Foggia. Non starò qui a ripetermi sulle responsabilità che amministrazioni precedenti hanno sull’argomento poiché tutto è legato alle casse comunali bloccate anche dal decreto ministeriale cosiddetto “salva città”  e lo sarà nei mesi e anni a seguire. Una soluzione potrebbe essere l’intercettazione di finanziamenti pubblici attraverso fondi comunitari erogati dall’Unione Europea previ progetti fattibili.

Ma il problema c’è, si vede, si sente, si avverte il pericolo che tutti i cittadini, e chi avrà la bontà di visitarci, percepiscono quando camminano per Foggia.

Foggia come Bagdad, crateri pubblici che minano l’incolumità delle persone.

Un esempio: all’incrocio tra Via C. Pisacane e Viale Ofanto (di fronte allo Stadio Zaccheria) una buca stradale, che è un cratere a cielo aperto, è l’ennesimo pericolo che si è creato a Foggia. Pare che sia ceduto il manto stradale. Una buca larga 1 metro, in alcuni punti anche 1 metro e 20, alta 14 cm, al centro dell’incrocio e sul percorso laterale del viale.

Un po’ più avanti ve ne sono altre, meno grandi ma pericolose, all’ingresso del Piazzale di San Giuseppe Artigiano.

La domanda, che poi è una richiesta, è se l’amministrazione comunale ha in progetto di sistemarle subito queste buche, se il nuovo Sindaco metterà in pratica ciò che ha continuamente detto durante la sua campagna elettorale. Nulla di personale giacché sono le stesse richieste rivolte al Sindaco uscente e a quello candidato avversario del nuovo.

Nell’attesa che Foggia non sia più comparata a Bagdad, si attende che la buca in oggetto venga al più presto sistemata secondo le procedure scritte nei capitolati tecnici e non con il solito riempimento di terriccio, brecciolini e un sottile strato di asfalto di terza scelta, che alla prima pioggia o al continuo transito dei mezzi meccanici, ritornerà ad essere una buca stradale.

di Nico Baratta
Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %