Rumor has it: al Comune di Bari la voce si è sparsa

Con Antonio Decaro in partenza per Montecitorio, al Comune di Bari si sta scatenando un'autentica bagarre per la successione a Michele Emiliano. E non si dorvà attendere molto visto che, Nichi Vendola capolista Sel in tutta Italia, il posto da Governatore a febbraio sarà vacante.

Per quanto tutti stiano allineati e coperti (ma sino a un certo punto) è chiaro che almeno Elio Sannicandro e Ludovico Abbaticchio (entrambi assessori in carica ed entrambi molto defilati durante le primarie del Pd) hanno velleità, per altro legittime e supportate dalla lunga esperienza amministrativa, di candidarsi a Sindaco.

Vendola avrebbe "contrattato" per Angela Barbanenente, urbanista di vaglia e splendida persona, come sindaco del dopo Emiliano. Certamente una transizione di qualità, specie in vista della città metropolitana, le grandi opere previste dal Patto appena siglato e la scadenza ormai prossima del 2015 (expò a Milano), in cui Bari si è impegnata a partecipare.

Ma adesso l'uscita di scena di Decaro ha scatenato una vera bagarre e ha moltiplicato i concorrenti e le voce si susseguono, senza peraltro che si possano trovare conferme a suffragarle. E' comunque probabile che l'ipotesi Barbanente possa sfumare se il centro sinistra dovesse individuare un'altra figura in grado di aggregare un consenso che vada al di là del puro dato politico.

"Faremo le primarie" ci ha detto Michele Emiliano "e sceglieremo il candidato sindaco". E non è affatto escluso che Antonio Decaro, sul quale si appuntava il gradimento pressochè generale (e trasversale), alla fine decida di tornare, per una volta, a fare il profeta in patria.

 

Share
Scritto da Fortunata Dell'Orzo