testata_web_pdo_5verde.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

In Puglia 1 su 5 non lavora

Per chi cerca lavoro, o per chi si trova nella disperata posizione di ricollocarsi nel mercato del lavoro è un periodo davvero critico. Non soltanto le aziende chiudono, si ricollocano, delocalizzano le produzioni, mancano politiche vere e proprie di sostegno al lavoro, ma economicamente parlando siamo davvero in un punto critico per quanto riguarda il tasso di disoccupazione.

Continua ad imperversare l’emorragia dei posti di lavoro. Un tunnel dal quale si fa fatica ad uscire da oramai troppo tempo: nei primi tre mesi del 2013 il tasso di disoccupazione in Italia è salito al 12,8%, in aumento dell’1,9% sul primo trimestre del 2012. Mai così male dal 1977, in un Paese appartenente al G8 e considerato tra quelli più potenti al mondo: un paradosso.

In termini assoluti quasi 3,3 milioni sono senza lavoro. Ancora più rovente è il clima nel Mezzogiorno, dove è presente una vera emergenza sociale.

In Puglia, nel primo trimestre 2013, il tasso di disoccupazione è balzato al 19,2%, cresciuto in maniera preoccupante rispetto allo stesso periodo dello scorso anno allorquando era al 15,6% (+3,6%). Ma a pagare il prezzo più alto della crisi sono i giovani. Se in Italia il tasso di disoccupazione giovanile si è attestato, nel primo trimestre di quest’anno, al 41,9%, nel Mezzogiorno si sfonda il tetto anche del 45% con il picco del 52,8% della componente femminile. In Italia, complessivamente, 696mila giovani sono in cerca di occupazione in maniera attiva.

Aldo Pugliese, Segretario Generale della UIL di Puglia e di Bari sottolinea come “si stia respirando un clima di forte sfiducia soprattutto da parte dei giovani della Puglia, sintomo di come il macigno della crisi stia finendo sempre più sulle loro spalle. In quest’ottica è grave, nonché emblematica, la tendenza di numerosi talenti che abbandonano la nostra regione verso nuovi mercati, consegnando quindi la nostra regione ad un futuro sempre più povero, sempre più incerto. Sono necessari immediati investimenti in istruzione e ricerca per poter garantire un futuro degno di tal nome ai nostri giovani. Dunque bisogna mettere in campo politiche per la stabilità occupazionale, onde evitare che il rischio della perdita delle generazioni diventi realtà”.

“Inoltre - continua Aldo Pugliese - bisogna attivare con solerzia politiche per l’occupazione. Gli indici dell’Istat, infatti, non lasciano molto spazio ai commenti - occorre tornare a investire in modo da stimolare un aumento della liquidità che si tradurrebbe in un incremento dei consumi. E, dunque, in occupazione. E’ altresì utile un riordino degli assetti utili della Pubblica Amministrazione capaci di garantire in tempi brevi ed in modo efficiente il rilascio delle necessarie autorizzazioni. Quindi, l’apertura di piccoli e grandi cantieri per le infrastrutture ed in particolare per la logistica e per i trasporti. Tutte misure che darebbero notevole ossigeno a rilanciare la nostra economia e garantire lavoro sano e stabile”.   

Scritto da Roberto Mastrangelo
Newsletter



Invest
IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %