testata_web_pdo_5arancione.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Sanzioni per difendere i diritti. Serve un gesto europeo eclatante

Nuove leggi, nuovi emendamenti, nuovi regolamenti... Ogni giorno l'apparato complesso delle Istituzioni Europee si impegna a regolamentare la vita dei cittadini europei innalzando cosi gli standard economici e sociali. Entrare a far parte dei paesi dell'Unione è desiderio di molti paesi soprattutto nei Balcani, ma chi controlla che una volta entrati nel sistema europeo questi stati non regrediscano ad un livello inferiore?

Le crisi economiche e sociali attuali nei paesi come Grecia, Cipro e Bulgaria danno un segnale chiaro che una volta in Europa questi paesi non sempre continuano a migliorare i loro parametri nazionali. Sarebbe auspicabile che l ' Unione Europea istituisse un organo di controllo che permetta di verificare che i Paesi Membri stiano davvero rispettando i parametri.

Secondo Adevărul, il corrispondente a Bruxelles del quotidiano rumeno, un documento recentemente inviato Collegio dei commissari (organismo interno della Commissione europea) avanza proprio l’idea che l’Ue, “al di là dei problemi economici, debba occuparsi di più di quanto i governi applicano le regole dello stato di diritto e assicurano il rispetto dei diritti fondamentali”.  Un gesto eclatante per convincere i cittadini europei che serve davvero a qualcosa e che può difendere i suoi principi e agire quando e necessario.

Secondo Adevărul infatti l’Unione potrebbe arrivare, “in caso di inadempienza da parte di uno stato, ad applicare il meccanismo previsto dall’articolo 7 del trattato di Lisbona”, privando temporaneamente lo stato in questione di alcuni diritti.

Il dibattito apre “una prospettiva molto interessante per il prossimo autunno, quando comincerà la battaglia per le elezioni europee del maggio 2014”, sottolinea Adevărul:

"Stabilire chiaramente quali sanzioni si trovano tra la procedura d’infrazione e l’articolo 7 non è soltanto un argomento politico potenzialmente esplosivo, ... ma anche un messaggio forte che potrà aumentare la credibilità delle istituzioni europee. In gioco c’è la vita del progetto europeo."

Scritto da Eliona Cela
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %