testata_web_pdo_5verde.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Il campus non è solo aule

Saluto con favore la prossima inaugurazione dell'edificio ex Enel, destinato ad accogliere aule e uffici universitari.

L'operazione passa sotto il nome, allo stato esagerato, di campus murattiano. Il Rettore Petrocelli e il suo successore Uricchio concorderanno certamente sul fatto che il campus non è fatto solo di aule, biblioteche e laboratori. Occorrono anche spazi comuni, destinati esclusivamente a studenti e docenti.

Difficili da ricavare al centro della città. A meno di decisioni coraggiose, drastiche e immediate. Leggo che l'università ha chiesto al Comune la pedonalizzazione di alcune vie adiacenti all'università.

Non conosco l'elenco in dettaglio, ma la proposta è certamente da accogliere immediatamente. Una maggioranza coesa, una Giunta seria e un Sindaco che facesse il sindaco e non l'eterno aspirante candidato non dovrebbero pensarci più di una settimana. Certo, ci saranno interessi e posizioni confliggenti, ma la buona amministrazione è sopratutto scelta motivata e responsabile nell'ambito di una graduatoria di interessi. In questo caso non avrei alcun dubbio nel porre al primo posto l'interesse degli studenti e dell'università. Gli altri, e cito solo per esempio i residenti e i commercianti, col tempo, avranno modo di apprezzare la scelta e di ringraziare.

Strade pedonalizzate subito e altro ancora. Piazza Umberto, per esempio. Siamo arrivati al punto di tessere le lodi dell'Amministrazione, perchè ha provveduto a cancellare alcuni graffiti sulle pareti di un edificio pubblico, posto nella Piazza. Come se avesse fatto un atto straordinario e non semplicemente il suo dovere.

Quell'edificio, invece, va immediatamente reso libero. Agi attuali ocupanti va subito trovata una diversa e piu idonea sede e quell'edificio, oppotunamente ristrutturato, va trasformato in un internet point a servizio degli studenti, perchè Piazza Umberto torni ad essere luogo privilegiato degli studenti universitari e parte integrante e qualificante del campus murattiano.

In questa prospettiva molte delle attuali sedi occupate da inutili vialetti catramati dovranno essere trasformate a verde calpestabile. Ai custodi del giardino "tale qual'era" basti la tutela di tutti gli alberi esistenti, che debbono essere tutti preservati, curati e artisticamente illuminati, lasciando che tutto il resto, ma proprio tutto, sia destinato a prato calpestabile.

Coraggio alla mano, via il parcheggio delle auto sulle strade adiacenti alla piazza, alcune delle quali devono diventare pedonali e spazio solo al parcheggio di bici e moto. Per dirla tutta, ma ci vorrebbe un'Amministrazione davvero coraggiosa, il parcheggio  di piazza Battisti dovrebbe avere una tariffazione tale da renderlo al servizio quasi esclusivo di studenti, docenti, personale e visitatori delle strutture universitarie.

In quest'ottica anche piazza Cesare Battisti e strade vicinali, unitamente a Piazza Umberto, dovrebbero essere rivisitate, quanto ad arredo, utilizzo e regolamentazione, ma qui la parola spetta innanzitutto all'Università. Aspettiamo proposte decisamente rivoluzionarie, con il coinvolgimento innanzitutto dei ragazzi. Per loro vanno previsti appositi ed ampi spazi di comunicazione scritta, essendo impensabile che continuino ad insozzare i muri degli edifici, che, anzi, andrebbero affidati alla loro sorvegluanza e cura.

Scritto da Salvatore Tatarella
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %