testata_web_pdo_5arancione.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Clamoroso! Il Pdl dopo un mese perde la Puglia

 

Incredibile in Puglia.

In pochi mesi tutto è cambiato.

La regione di Raffaele Fitto che tutti, ormai, vedevano in rampa di lancio per succedere ad Angelino Alfano alla guida del Pdl.

La Puglia che alle politiche era stata la prima Regione d’Italia del Pdl in termini percentuali.

La Puglia dei record, dei trionfi.

La Puglia da cui doveva ripartire Berlusconi e il centrodestra.

La Puglia che si preparava a cacciare Vendola il rosso.

La Puglia che non a caso a Bari, con centinaia di pulman provenienti da tutto il sud per riempire Piazza Prefettura, aveva celebrato una grande mobilitazione per Berlusconi.

Insomma quella Puglia orgoglio del Pdl, che pure al primo turno di due settimane fa lasciava sperare per i ballottaggi, non c’è più.

Il Pdl e il centrodestra in Puglia perdono clamorosamente ovunque.

Passi per Barletta, da sempre città di sinistra, ma la scoppola rimediata dal Coordinatore regionale Francesco Amoruso e dal suo fido delfino Sergio Silvestris, capo Gruppo del Pdl al Parlamento Europeo, entrambi ex tatarelliani, ex finiani, ex gasparriani e ora fittiani, nella loro Bisceglie ha del clamoroso.

Un vero e perfetto harakiri politico.

Un suicidio iniziato con la mozione di sfiducia nei confronti del Sindaco Francesco Spina, reo di aver lasciato il Pdl.

Interruzione della consiliatura ed elezioni anticipate con l’arroganza di chi è certo di vincere e invece viene umiliato. Volevano suonarle a Spina e sono rimasti suonati.

Il Pdl, però, perde anche a Molfetta, città del potentissimo senatore Antonio Azzollini e a Corato, dove si verifica il fenomeno dell’anatra zoppa, feudo del neo senatore Luigi Perrone, città in cui il Pdl aveva registrato percentuali da sogno.

Clamoroso ribaltamento anche ad Modugno dove il centrodestra con Saverio Fragassi partiva con i favori del pronostico, ma viene sconfitto dall’ex magistrato Nicola Magrone o a Manduria, nel tarantino, dove Morgante viene recuperato e superato dal suo sfidante.

Sconfitte importanti anche ad Acquaviva della Fonti, Noci. Nel barese è un disatro. Unica vittoria a San Nicandro Garganico, nel foggiano, dove si votava anticipatamente a causa delle dimissioni del Sindaco centrista Vincenzo Monte.

Queste elezioni lanciano un messaggio forte e chiaro.

Gli elettori di centrodestra non credono più a questo centrodestra.

Dalla Puglia serve ricostruire il  nuovo centrodestra.

Scritto da Fabrizio Tatarella
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %