testaa_web_pdo_5rosso.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Pinuccio, perdona loro, perchè non sanno quello che fanno

 

Ha ragione Marcello Veneziani: “la destra non sta morendo di identità, ma di nientità, non sta morendo di estremismo, ma di mediocrità”.

Il 9 novembre sono state indette due manifestazioni a Roma per richiamarsi all’eredità di An. Siamo al ridicolo. Più che l’anniversario del crollo del Muro di Berlino questa data potrebbe essere il crollo definitivo della destra, il suo 8 settembre, dalla morte della patria alla morte della destra. Saremo tutti responsabili, nessuno escluso, se non eviteremo questa fine ingloriosa.

Tante volte sento dire che manca alla politica italiana Pinuccio Tatarella, Padre fondatore della destra democratica in Italia.

Ecco a destra manca l’armonia, manca il regista, manca Pinuccio. Cosa avrebbe fatto davanti a questa ipotesi? Semplice, uno di quei “cazziatoni” memorabili che Ignazio La Russa conosce bene. Se veramente tra meno di un mese si terranno due manifestazioni di destra Pinuccio si rivolterà nella tomba e ci maledirà a vita dal posto in cui si trova. Non possiamo distruggere il suo lavoro. Lui che ha dedicato la sua vita alla destra rimettendoci la vita, non risparmiandosi e trascurandosi per dedicarsi interamente al suo progetto.

Progetto di cui in tanti hanno beneficiato, per primi Giorgia Meloni e Fabio Rampelli che non volevano An ieri e non la vogliono oggi (in realtà non volevano neanche il Pdl, ma poi ci sono rimasti fino all’ultimo secondo e non per difendere poltrone ministeriali che senza An non avrebbero mai avuto) i soli a non volere un procedimento di allargamento a destra per via di una mentalità tardo rautiana e romana che non ammette questi passaggi. Una visione troppo romano centrica, sprezzante di tutto un popolo considerato periferia, militanza, intendenza che deve seguire e basta.

Una destra che vuole unirsi non organizza due manifestazioni concorrenti nella stessa giornata. Cerchiamo di essere seri. Facciamone una, tutti insieme e ricostituiamo An, la casa di tutti.

Se non fosse stato per Pinuccio che inventò An, sdoganando il Msi e la destra italiana, molti che hanno calcato gli alti gradini della politica nazionale avrebbero continuato ad affiggere manifesti in qualche periferia, mentre oggi si permettono di pontificare e rinnegare il passato dal quale provengono. Inaudito e imbarazzante. Detto questo An è stato il punto più alto della destra italiana in 50 anni. E non vedo ancora nulla di meglio e di nuovo all’orizzonte.

Non ha più senso, quindi, farne una sola, come Pinuccio ci avrebbe imposto, convocando tutto il nostro popolo orfano di una casa, di un partito, di una forte appartenenza a Roma in una piazza qualsiasi?

L’ultimo corteo di An si tenne il 13 ottobre 2007 a Roma, in Piazza della Repubblica, contro le tasse del Governo Prodi.

Sarebbe bello il 9 novembre ritrovarsi in quella stessa Piazza, tutti insieme, per ripartire, ricostruire una nuova An, giovane nella classe dirigente, ma solida nelle radici, celebrando la rinascita della destra italiana. Una grande festa.

In caso contrario avremo celebrato solo due funerali che sono le manifestazioni che riescono meglio alla destra ultimamente.

“L’Italia non è solo il nostro passato, il nostro presente, ma il solo possibile futuro per la nostra vita e la vita dei nostri figli” affermava il filosofo Giovanni Gentile.

La destra per me è questo, è un atto d’amore per l’Italia e per il mio popolo. Un atto contro la destra, l’Italia e il suo popolo sarebbe il più grande suicidio politico che possiamo compiere.

Pinuccio perdona loro, perché non sanno quel che fanno.

Scritto da Fabrizio Tatarella
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %