testaa_web_pdo_5rosso.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Editoriale

Buon compleanno Italia, terra di santi, poeti e navigatori

 

‘Su questa Patria giura e farai giurare ai tuoi fratelli, che sarete sempre, ovunque e prima di tutto, Italiani’. Tra tante frasi abbiamo voluto scegliere questa di  Nazario Sauro, glorioso patriota, martire, alla cui memoria fu concessa una Medaglia d’Oro al valor militare, per ricordare a noi stessi e a tutti i gli italiani della Capitanata il significato profondo dell’essere italiani oggi.

L’Italia, domenica 17 marzo, compie 152 anni. Per un giorno chiediamo a tutti i cittadini di sentirsi unicamente figli d’Italia, di questa terra meravigliosa, senza divisioni.  Per un giorno invitiamo tutti a mettere da parte le proprie appartenenze politiche, il furore delle ideologie e il sentirsi espressioni di una parte per ricordare il sacrificio di tanti giovani italiani che hanno reso possibile, durante il Risorgimento, sacrificando le proprie esistenze, la costruzione di questo grande Paese, il nostro.

Per questo aderiamo in modo convinto agli inviti, e invitiamo tutti i cittadini ad esporre un semplice tricolore dai balconi delle proprie abitazioni, tesi a ricordare questa importante data, la cui ricorrenza auspichiamo venga istituzionalizzata al più presto, in modo da trovare nel 17 marzo una data comune per tutti gli italiani che vogliono ricordare solo il loro atto di nascita. Una giornata di orgoglio nazionale, per ricordare il genio italiano, la nostra storia gloriosa, l’epopea risorgimentale, i nostri fratelli sparsi in ogni angolo della terra che rendono onore al made in Italy nel mondo.

 Il ‘900 è ormai alle spalle con le sue guerre, anche civili, la stagione degli odi contrapposti, delle lacerazioni che incrinano il futuro del Paese e, magari, questa data, più del 25 aprile o del 2 giugno, quando ci si divise tra Monarchia e Repubblica, può, realmente, diventare il giorno dedicato alla nostra Patria senza divisioni o revisioni storiografiche, ma semplicemente il ricordo di quello che oggi si è grazie al  Risorgimento e ai suoi principali protagonisti e a tutto quello di straordinario che questo Paese in 152 anni di vita è riuscito a realizzare.

Buon compleanno Italia, terra di santi, poeti e navigatori.

 

Puglia d'oggi dalla carta alla rete

Da oggi, lunedì 7 gennaio 2013, anche questa storica testata, che da poco ho l’onore e l’onere di dirigere, si adegua al passo dei tempi ed ha la sua versione in rete.

Siamo on line anche noi con il sito www.pugliadoggi.it.

Addio alla versione cartacea, quindi, complice la crisi, ancora più difficile nel settore dell’editoria, che mette a dura prova anche giornali e Tv locali ancora più forti della nostra piccola, ma tenace, testata.

Quando Puglia d’Oggi è nato, nel lontano novembre del ’59, probabilmente, il suo fondatore non avrebbe mai immaginato che sarebbe stato trasmesso di generazione in generazione fino a vedere la luce del nuovo millennio fino a giungere alla versione on line.

Né noi, quando nel settembre del 2001 ritornammo in edicola con la nuova serie settimanale, avremmo mai immaginato di essere presenti, in modo regolare e costante, ininterrottamente per dieci anni. Né il sottoscritto avrebbe mai immaginato di poter diventare, un giorno, il direttore politico di un giornale che sentiva parte di se stesso, ma che, sostanzialmente, altri facevano, mettendoci anima, cuore e portafoglio.

Per questo, un particolare ringraziamento va a chi mi ha preceduto e che ha voluto continuare questa straorinaria avventura e a tutti coloro che, nel corso di questo mezzo secolo, hanno collaborato, a vario titolo, a tenere in vita Puglia d’oggi.

Un giornale, specie se “schierato, ma non di parte”, come Pinuccio amava definire le sue sfide editoriali, non è una facile avventura, non solo da un punto di vista economico, ma anche, e soprattutto, organizzativo.

In particolare per la nostra piccola e tenace redazione, che realizzava un giornale senza godere di sovvenzioni pubbliche, ma solo del sostegno degli abbonati e di alcuni amici.

Nell’epoca della modernità e della globalizzazione Puglia d’oggi, adesso, non è certamente più quella di ieri.

Anche noi abbiamo un nuovo sito aggiornato, www.pugliadoggi.it, un profilo facebook, uno google+ ed uno twitter Anche attraverso queste nuove forme di comunicazione, ignare ai nostri fondatori, vi chiediamo ancora di seguirci, sostenerci, restarci vicino e, prima di tutto, interloquire con noi, condividendo e linkando, attraverso i social media, le nostre notizie.

Rimaniamo connessi.

Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %