testata_web_pdo_5arancione.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Fitto in auge? Se lo stanno giocando

Se lo stanno giocando, dicunt. Raffaele Fitto sembra in auge, a leggere i giornali. Eppure nei corridoi romani si fa pressante la voce di chi sostiene che sia pronto per lui un piatto avvelenato.

Il plenipotenziario pugliese del Pdl-Fi punta, come è noto, al coordinamento nazionale e ha già ottenuto la convocazione del consiglio di partito. Già, la strada sembra spianata, ma potrebbe non essere così.

Pare, infatti, che tra i desiderata di Berlusconi non ci sia affatto il premio per la lealtà -di facciata, ovviamente- dell'ex governatore pugliese. Sono altri i nomi in corsa per il coordinamento, tra cui quello di Denis Verdini, molto più radicato nella dirigenza nazionale del partito.

Fitto, si sa, oltre ai suoi fedelissimi pugliesi, a Roma non gode di grandi simpatie da parte dei colleghi. Sarebbe, quindi, l'ariete di Berlusconi per rompere gli schemi e le scalate dei "governativi", ma nulla di più. Perchè il Cav non ci terrebbe proprio a perdere Alfano e per riconquistare il vice premier Fitto verrebbe cestinato automaticamente.

Tra l'altro, se nei tg e nelle pagine di giornali il parlamentare salentino emerge nel dibattito, meno si può dire sul fronte politico locale: oltre al territorio leccese, il Pdl ha perso la maggior parte delle istituzioni pugliesi per la politica rigida dello stesso Fitto, che ha messo alla porta parecchi personaggi di peso.

Questa evidente ma reale debolezza del lealista -continuano i berluscones- sarebbe confermata anche dai veti che lo hanno estromesso dal governo Letta. Certo che Fitto non rimarrebbe con le mani in mano, se qualcuno gli tagliasse così le gambe. C'è sempre quel fascinoso (per i democristiani come lui) partito a cui lavora Casini, il Ppi. Sono queste le voci dei vicinissimi al Cavaliere a cui potrebbe aggiungersi un'ultima considerazione: il centrodestra ha bisogno di essere rifondato con persone nuove.

E, forse, fra sei mesi questi discorsi avranno poco senso, se è vero che la nuova Forza Italia avrà la stessa ispirazione del '94, con persone della società civile: chi oggi conta qualcosa, domani potrebbe non essere più presente nelle stanze che contano. Tuttavia, da sabato prossimo partiranno le danze e, stando a queste voci di corridoio, i risvolti potrebbero essere tutt'altro che scontati.

Scritto da Federica Stea
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %