testaa_web_pdo_5rosso.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

La Cicogna: le ragioni del nostro impegno

Una pausa.

L 'abbiamo presa per riposare, riflettere, riordinare le idee.

L'abbiamo concessa, a chi ci segue e ci valuta, perché anche a tutti loro fosse consentito giudicare, nel momento della assenza, l'azione e la presenza del nostro Movimento.

Da oggi riprendiamo l'attività politica, avendo più forti nella mente e nel cuore le ragioni del nostro impegno.

La scadenza elettorale del 2015 è più prossima di quanto non dica il calendario.

Il nostro impegno massimo deve essere: da una parte liberare la Città dalla zavorra politica di destra e di sinistra, che l'ha inchiodata a questo regresso mortificante; dall'altra mettere gli uni accanto agli altri, essere strumento e riferimento di uni e degli altri, di tutti coloro, da qualunque direzione politica provengano, che hanno forte il senso della drammaticità del momento e della indispensabilità dell'impegno a cambiare, a rinnovare la politica e l'amministrazione cittadina.

Politica intesa come ricerca ed attuazione di soluzioni concrete ai problemi quotidiani.

Con una attenzione specifica, non esclusiva, ma grandemente maggioritaria, ai problemi dei concittadini " SENZA".

Quelli privi di lavoro, di servizi, peggio ancora di speranze e di ambizioni.

Fare tutto questo in nome della compassione: rifiutando la logica egoistica ed edonistica, condividendo la vita degli altri, dei più sfortunati, portandoli dentro al cuore e sulle proprie spalle.

Impegnarsi per noi deve essere - come insegna don Primo Mazzolari -accettare le sfide più difficili, mai rassegnati a vedere la dignità delle persone calpestata.

Don Milani scrive: "Ho imparato che il problema degli altri è uguale al mio, sortirne insieme è la politica".

E' cieco cercare di distinguere se questa sia una opzione definibile di destra o di sinistra: lasciamo a chi ancora brancola nel buio, questa sterile ricerca.

I ciechi in cerca di sigle, con una elle in più o in meno, a fare la ridicola differenza.

Noi siamo più avanti.

Il nostro impegno, e quello di coloro che con noi vorranno condividerlo, è nello spirito, ancor più che nelle parole, di chi ho prima citato:

esplicitamente, ma anche implicitamente, quando per definire la compassione, ho attinto alla parola episcopale.

Un messaggio nuovo e antico.

Nuovo per i palcoscenici della nostra triste "non" politica.

Antico perchè - e di questo contributo ringrazio lo storico ed intellettuale, nostro concittadino, Giuseppe Angelo Di Bisceglia, così insegna il Magistero sociale della Chiesa Cattolica; così scrissero i Vescovi del Meridione d'Italia nel 1948, quando denunciarono i mali endemici di questa parte d'Italia.

Mali che sono ancora nostri e che con il nostro impegno dobbiamo impegnarci a sconfiggere.

Scritto da Franco Metta
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %