testata_web_pdo_5arancione.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Lavoro femminile: al sud è quasi un miraggio

Che le pari opportunità siano solo un miraggio e che spesso le politiche in questo senso si tramutano in sterili discorsi che lasciano il tempo che trova lo dimostrano anche i dati, crudi ed incontrovertibili, delle statistiche.

Al Sud per le donne è difficilissimo trovare un lavoro, e soprattutto quando il titolo di studio è elevato, conciliare il lavoro con la famiglia è pressocchè impossibile. In tema di lavoro femminile, al Sud nel 2012 ha lavorato regolarmente meno di una giovane su quattro, con un tasso di occupazione fermo al 23,6%. In testa le giovani abruzzesi (36%), in coda le campane (19,4%). Mentre secondo la SVIMEZ le donne meridionali laureate, anziché essere oggetto di politiche di sviluppo, rischiano di restare a casa con bambini e anziani a causa del sistema di welfare che ostacola la conciliazione lavorofamiglia.

È quanto emerge dall'analisi della Vice Presidente della SVIMEZ Maria Teresa Salvemini.

Nel 2012 su una popolazione di donne di età 15-34 anni al Sud solo meno di una su quattro, pari al 23,6%, lavora regolarmente.

Con forti differenze regionali: le giovani abruzzesi e sarde registrano un tasso di occupazione di poco inferiore alla media nazionale (37,1%), rispettivamente del 36% e 33%. Mentre vanno decisamente peggio tutte le altre: 27,4% in Molise, 26,2% in Puglia, 25,4% in Basilicata. Agli ultimi posti le donne siciliane (20,7%), calabresi (21,9%), fino alle campane, fanalino di coda (19,4%).

Se quindi in Veneto è occupata regolarmente una donna su due (52,5%), in Molise e Puglia meno di una su tre, in Calabria e Sicilia meno di una su quattro, fino alla Campania: qui fra le under 34 lavora regolarmente una su cinque.

Situazione critica anche se si considerano le donne under 64: qui il tasso di occupazione è del 31,6%, circa una su tre. Un divario dal resto d'Europa di quasi trenta punti (la media dell'Ue a 27 nel 2011 è 58,5%).

A livello regionale si conferma la stessa dinamica registrata per le giovani: in testa abruzzesi (45%) e sarde (43%), seguite da molisane (39%), lucane (35,8%), calabresi e pugliesi (31%).

In coda, siciliane (28%) e campane (27%). In altri termini, se in Abruzzo è occupata regolarmente meno di una donna su due, in Calabria e Puglia una su tre, e in Campania poco più di una su quattro.

Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %