testaa_web_pdo_5blu.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Fli non si scioglie, azzerati gli organi, si parte da una Assemblea fondativa

Quella di Futuro e Libertà nelle ultime elezioni politiche è, senza ombra di dubbio, una vera e propria debacle. Nessun eletto alla Camera dei Deputati, anche per il risultato negativo dell'Udc che non hasuperato il 2%, due senatori eletti, ma solo grazie alla lista unica di Scelta Civica per Monti. Oggi era la giornata della discussione a Roma. Oltre quattro ore di discussione conclusasi solo a pomeriggio inoltrato, della direzione del partito.

La prima decisione è stata quella di non sciogliere Fli, ma di andare avanti attraverso l'azzeramento di tutte le cariche e l'indizione di una Assemblea fondativa.

"La Direzione di Futuro e Libertà - si legge in una nota pubblicata alla fine del vertice - ha giudicato il risultato elettorale completamente negativo. Esso ha chiuso una fase ma non pone fine ad un impegno politico. Tutto dovrà essere rapidamente azzerato in termini organizzativi perché la responsabilità dell'insuccesso, nobilmente assunta in prima persona da Gianfranco Fini, grava sull'intera classe dirigente".

I valori non negoziabili che furono alla base della nascita di  FLI restano comunque validi ma dovranno essere interpretati  con un nuovo e più ampio coinvolgimento di tutti coloro che in essi si riconoscono, quale che sia il voto che hanno espresso il 24 e 25 febbraio. Si tratta dei valori di unità della nazione, legalità, meritocrazia, giustizia sociale, diritti della persona.

"Da oggi si apre quindi una stagione costituente - sottolinea la nota - di approfondimento culturale e programmatico, per disegnare il profilo di una destra repubblicana e legalitaria, costituzionale ed europea, che sappia parlare al cuore degli italiani".

Nelle prossime settimane sarà avviato, con tutte le forme partecipative possibili, un ampio confronto che si concluderà con una Assemblea di fondazione che vedrà protagonista una nuova generazione e un nuovo gruppo dirigente.

La classe dirigente di Futuro e Libertà ha espresso infine "profonda preoccupazione per la situazione politica emersa dalle urne. In Parlamento si confrontano tre minoranze di blocco (Pd, Pdl, M5s) di fatto incapaci di garantire la necessaria stabilità del Paese con il rischio, per la sempre più grave crisi economica e per le fortissime angosce sociali che essa determina, di indebolimento della coesione nazionale e della stessa democrazia".

Intanto l'ufficio stampa del partito smentisce le voci, trapelate anche sui quotidiani che arredi, pc e televisioni, presi in leasing, fossero già stati portati via dal quartier generale romano. Computer, telefonini e televisioni della sede di via Poli di Fli, nei pressi della Fontana di Trevi - spiegano - funzionano regolarmente "e il contratto di leasing è ancora attivo, non c'è alcuna smobilitazione".

Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %