testaa_web_pdo_5rosso.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Il futuro dell'area di destra, no a schemi vecchi

Esiste un PDL che, negli ultimi sondaggi, è partito di maggioranza relativa. Nonostante questo, vi sono moltissimi elettori di centrodestra che hanno abbandonato quel partito perché delusi dalla politica portata avanti negli ultimi anni, dall'incapacità di incisione nell'economia italiana e dall'incapacità di portare avanti riforme serie ed importanti di cui il paese ha disperato bisogno. Vi sono anche tanti elettori di area che alle ultime consultazioni hanno preferito votare Grillo o hanno, dall'altra parte, hanno votato Monti, individuando in Scelta Civica criteri di modernità, serietà, meritocrazia, assenti altrove. 

Ebbene, dinanzi a tutte queste possibili "riserve di caccia", per non parlare di vere e proprie "praterie" di voti in libera uscita dal centro destra italiano, i "cacciati di casa" ex AN non sanno fare di meglio che pensare ad una nuova "cosa di destra", più o meno "identitaria", più o meno "ritorno al passato"? Follia.

Proprio nel momento in cui gli italiani stanno vedendo cosa comporta avere la sinistra al governo, proprio nel momento in cui il leader forzista appare appannato, dopo i durissimi colpi subiti, a nessuno viene in mente che sia arrivato il giorno per cambiare pagina? Siamo talmente concentrati a guardare il nostro ombelico e a difendere presunte rendite di potere che non riusciamo a vedere cosa c'è fuori?

Ebbene, fuori c'è la possibilità di costruire una nuova Destra: moderna, liberale, europea. Basata sui valori della nostra tradizione (Dio, Patria, Famiglia, Legalità, Serietà), ma in grado di guardare avanti, far emergere i migliori (meritocrazia), contenere il debito, rendere competitive le imprese ed in genere tutto il sistema Italia.

La nuova Forza Italia sarà un contenitore per ex socialisti ed ex democristiani e moltissimi lobbisti di ogni colore, utile per fare da stampella ad un ennesimo governo di larghe intese. Magari con a capo Renzi, anziché Letta.

Credo che tutto il popolo di centrodestra, il popolo della libertà, possa aspirare a qualcosa di meglio. Officina Italia può essere un inizio. Se le migliori intelligenze di area iniziano a parlarsi a cercare una casa comune, qualcosa di buono ne verrà fuori senz'altro. Non pensate a ricostruire il passato, ma guardate il futuro radioso che ci aspetta. Finalmente possiamo essere indipendenti, fare una proposta autonoma, seria, forte, decisa. Poco importa se all'inizio dovesse essere marginale. Abbiamo la possibilità di raccogliere tutti gli italiani di centrodestra che vogliono cambiare pagina rispetto a ricostruzioni storiche senza futuro e di dare una casa al prossimo centrodestra nazionale.

di Dante Leonardi
Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %