testata_web_pdo_5arancione.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Movimento per An, ecco alcuni dei presupposti

All'indomani della manifestazione di Roma, che ha dato ufficialmente il via al "Movimento per Alleanza Nazionale", è ancora tempo di specificazioni e di riflessioni su come dovrà essere questo nuovo soggetto politico, di destra, che si pone l'ambizioso compito ed obiettivo di riunire le varie anime in cui si è scissa la grande destra storica italiana, con il disastroso risultato della sua scomparsa dallo scenario politico nazionale. Pubblichiamo, di seguito, undici brevi riflessioni, pubblicate sul suo profilo facebook, di Domenico Nania, uno degli otto che a Roma hanno sottoscritto l'accordo politico per riunificare la destra.

Chi sta nel Pdl e chi osteggia la rinascita di una destra che si ritrovi unita in un NUOVO SOGGETTO POLITICO ignora:

1) che non si tratta di tornare ad AN ma di ripartire da AN;

2) che quando si "riparte" non lo si fa da una sigla elettorale di QUALCUNO ma da SIMBOLO CHE RACCHIUDE UNA STORIA DI TUTTI;

3) che UNA RINASCITA è TALE SE PER UNIONE, e non per estensione, per annessione o per affiliazione;

4) che AN non è una semplice sigla elettorale di proprietà di alcuni ("La Destra" di quelli de "La Destra", Fli di quelli di Fli, "Io Sud" di quelli di "Io Sud", FdI di quelli di FdI, "Alleanza Nuova" di quelli di "Alleanza Nuova"...), ma una storia, una cultura, una passione e un percorso di proprietà di tutti;

5) che AN non si è sciolta perché fallita ma per un disegno politico bipartitico (un solo centrodestra, un solo partito, il PDL) sconfitto dai fatti, condiviso da molti e osteggiato da pochi (STORACE per primo, da NANIA con delle note scritte a sostegno di una federazione al posto del partito unico e da MENIA nel suo intervento congressuale);

6) Che COME SPIEGATO DA SEMPRE IL PDL NON DOVEVA ESSERE UN PARTITO MA UNA FEDERAZIONE TRA AN E FI;

7) Che nel nuovo soggetto politico, per come la penso io, NON DOVREBBERO CANDIDARSI, PER UNA LEGISLATURA, tutti coloro che sono entrati in Parlamento grazie alla legge dei NOMINATI e non con il voto diretto e personale degli elettori;

8) Che nel nuovo soggetto politico i candidati sindaci, governatori e al Parlamento DEVONO ESSERE SCELTI CON LE PRIMARIE;

9) che il NUOVO SOGGETTO POLITICO non deve essere ROMANOCENTRICO;

10) che il nuovo soggetto politico deve partire dal TERRITORIO, dal consenso, dalle primarie e dai talenti che si trovano nella sana provincia italiana; perché solo nella sana provincia italiano si trovano i talenti che occorrono per costruire una destra in grado di fare la destra;

11) CHE TRA TANTE SIGLE CHE DICONO LA STESSA COSA, che si confondono, che sono interscambiabili, che sono utilizzate da chi è di destra, di centro, di centrodestra e di centrosinistra (Prima l'Italia, Italia dei Valori, Italia Futura, Forza Italia, Fratelli d'Italia, Alleanza per l'Italia, Italia Popolare...) E CHE DUNQUE DICONO NIENTE, meglio una che sia chiara, significativa, di tutti E che non si confonda con le altre.

Scritto da Redazione
Newsletter



Invest
IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %