testata_web_pdo_5verde.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Lo streaming della vergogna

Lo streaming Renzi-Grillo è una pena. E' una pena per entrambi gli attori ed i rispettivi consiglieri. E' una pena per l'Italia e per il giornalismo in generale. L'eccessiva umanizzazione della politica porta solo ad un maggiore svilimento, degrado e non rispetto per quest'ultima. E' come se, quando andavamo a scuola, ci fossimo messi a seguire a casa la nostra Professoressa, che diventava mamma, moglie, donna di casa. L'avremmo umanizzata, le avremmo dato un nome, avrebbe perso il senso di autorevolezza che incuteva in noi. Una politica trasparente si, nuda no. Una donna nuda perde il suo fascino. 

Più informazione allontana la politica

Troppa informazione fa male, anche quando Grillo è off-line. E' esasperante, controproducente, aizzatrice. L'odierno vantaggio di avere più informazione di prima è controbilanciato dal fatto di venire a sapere un sacco di cose inutili che ci fanno imbestialire. Troppa informazione non vuol dire conoscere meglio la politica. Troppa informazione è una non informazione che ci da l'impressione di capirne di politica. Troppa informazione, ad oggi soprattutto banale, superficiale, grossolana, ci ha fatti diventare dei presuntuosi, arroganti, ignoranti di politica. 

Ieri Renzi ha perso il suo fascino da spavaldo oratore e Grillo quello da furbo contestatore. Se il primo avrebbe dovuto indicare la porta al suo loquace ospite ben prima dei 10 minuti, il secondo avrebbe dovuto dimostrare di non saper giocare sempre e solo a solitario. 

Le 4 priorità del sindaco d'Italia

Si ha l'impressione che "Renzi il riformatore", in pochi mesi diventerà "Renzi l'utopista". Le mani se le è sporcate e l'unica via disponibile per non perdere direttamente -in streaming?- la credibilità degli italiani è quella di fare la riforma del Senato, quella elettorale ed andare al voto. Ma così non farà, perché il ragazzo crede in sé stesso, ed allora ci metterà in mezzo anche fisco, occupazione e pubblica amministrazione. Magari fosse. Il suo staff ha ipotizzato una riforma cada mese entro maggio. Se solo ci riuscisse entro l'estate (metà luglio), il "Beppe dammi un minuto" se lo scorderanno davvero tutti.

Scritto da Sveva Biocca
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %