testaa_web_pdo_5rosso.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Riforme, autonomia, semplificazione: ecco le richieste dell'Anci a Renzi

Quali sono le principali richieste dell'Anci nazionale al governo Renzi per questa delicata fase politico-amministrativa? L'associazione dei Comuni, per mezzo del suo presidente Fassino, ha voluto inviare una lettera al premier Renzi. Autonomia, semplificazione amministrativa e riforme istituzionali sono i temi sul tavolo delle richieste Anci.

"Con l’emanazione del decreto Imu-Tasi - ha dichiarato il presidente nazionale Fassino - si chiude un lungo negoziato tra Anci e governo sulla finanza locale. A tal proposito giudichiamo complessivamente positiva la chiusura di questa fase perché per la prima volta dopo sette anni c’è una inversione di tendenza. Questo crea un clima favorevole per il confronto successivo, basato su tre pilastri strategici: riassetto istituzionale tramite il ddl Delrio, autonomia fiscale e normativa e semplificazione burocratica. Su questo si baserà la proposta che già oggi invieremo tramite lettera al presidente del Consiglio ‎Matteo Renzi e saranno questi i temi centrali che i sindaci perseguiranno nei prossimi mesi". Ha sintetizzato cosi' il presidente Anci Piero Fassino la road map che i Comuni presentano oggi all'esecutivo.

"Bisogna andare oltre le misure che da anni restringono gli spazi di autonomia dei Comuni - ha detto Fassino parlando con la stampa al temine dell'Ufficio di presidenza Anci - e ciò si sostanzia innanzitutto con una rapida approvazione del ddl Delrio che deve vedere i Comuni protagonisti sia per l’istituzione delle città metropolitane sia della trasformazione delle Province in enti di secondo livello e sia della riforma del Titolo V e del Parlamento”.

Sul riassetto della finanza locale, questa nuova stagione per Fassino “deve portare ad una piena acquisizione finanziaria e fiscale dei Comuni, a partire dal trasferimento dell’intera titolarità del fisco patrimoniale" perciò la Tasi per le prime case e l'Ici per le altre tipologie di abitazioni.

Il terzo punto strategico sarà, invece, la semplificazione e il riassetto normativo. “Bisogna restituire ai Comuni autonomia nell’ordinamento e nell’organizzazione della macchina comunale, mettendo fine alla jungla di prescrizioni, centrali e centralistiche, che hanno rappresentato in questi anni un ulteriore ostacolo e aggravio all’attività dei Comuni”.

Questi, dunque, i “temi strategici” su cui i sindaci definiranno una vera e propria “piattaforma di proposte per l’autonomia comunale, su cui attivare il confronto con il governo, con l’obiettivo di acquisire significativi risultati nel corso dei prossimi mesi”.

Infine il sindaco di Torino è tornato sulla lettera inviata dal presidente del Consiglio ai sindaci, con cui si chiede di fornire un primo elenco per interventi di ristrutturazione delle scuole. “Si tratta di una iniziativa dal valore simbolico esemplare molto chiaro. Una spallata – la definisce Fassino - che muove le troppe lentezze burocratiche che spesso impediscono di usare tempestivamente le risorse stanziate per servizi essenziali per cittadini”. “Sappiamo tutti – ha aggiunto - che la manutenzione degli edifici scolastici è priorità di cui troppo spesso si parla”. L’auspicio è quindi che l’azione promossa da Renzi abbia la forza “di smuovere le acque per spingere amministrazioni centrali e locali a mettere in campo le iniziative necessarie. È evidente – ha quindi concluso - che alla stesura dell’elenco deve seguire la predisposizione delle risorse necessarie che rendano efficace e visibile l’iniziativa”.

Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %