testaa_web_pdo_5blu.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Lampedusa: in Mauritania lutto nazionale

 

NOUAKCHOTT - In seguito alla tragedia di Lampedusa del 3 Ottobre scorso,  il presidente della Repubblica Islamica Mauritana, Mohamed Ould Abdel Aziz, ha indetto una giornata di lutto nazionale prevista per il  3 Novembre.

La “morte di viaggio” è un tema che tocca molto da vicino gli abitanti di questa regione del Sahel, tanto che, a poche settimane dalle elezioni, le opposizioni non mancano di rimproverare al Presidente questo annuncio decisamente tardivo e giunto proprio nel pieno della campagna elettorale.

La Mauritania è sempre più spesso punto di partenza di flussi migratori verso l’Europa. Nouadhibou, la seconda città del paese dopo la capitale Nouakchott, è indicata dalla stampa francofona come “le chief-lieu de l’émigration sauvage”, il capoluogo dell’emigrazione selvaggia. Lunghe piroghe blu, imbarcazioni tipiche mauritane, cariche di migranti partono ogni giorno dal porto di Nouadhibou per fare tappa nelle isole spagnole delle Canarie e proseguire poi verso altre destinazioni. Molti sono i complici del traffico di uomini, dai pescatori alla géndarmerie, la polizia militare.

Nouadhibou è considerata la capitale economica della Mauritania. Il pesce è la ricchezza principale tanto che questa ha tolto a Nouakchott il primato di maggiore porto di pesca del paese. Ma stando a quel che si mormora tra i suoi abitanti, quello dell’immigrazione clandestina rappresenta un business addirittura equiparabile a quello della pesca.

Tutto è cominciato nel 2005, quando le nuove draconiane misure prese dall’Unione Europea per limitare i flussi migratori, provenienti soprattutto da Marocco e Nord Africa, constrinsero i migranti ad adattarsi alla nuova situazione e trovare nuove stade per raggiungere la Fortezza Europa. Tra la fine di Settembre e l’inizio di Ottobre 2005, 11 persone morirono sotto il fuoco delle forze dell’ordine spagnole e marocchine mentre attraversavano le recinsioni delle enclavi spagnole di Ceuta e Melilia in Marocco. Seguirnono diversi arresti di massa e respingimenti in Algeria e sullo stretto di Gilbilterra. E quando alcuni confini si chiudono, altri se ne aprono. Nello stesso periodo si inaugurava, infatti, la nuova strada asfaltata che collega Nouakchott a Nouadhibou. La città portuale mauritana cominciava così a diventare il punto di partenza di una nuova rotta: quella quella verso le isole Canarie, distanti 750 km. Una navigazione di circa due o tre giorni. Fra i migranti di origine senegalese celebre è il motto “Barca ou Barsak”, “Barcellona o Morte”.

La Mauritania è una terra di passaggio dove l’incanto dimesso delle moschee Maghrebine sfuma nei colori vivaci dell’Africa nera. Sebbene il transito verso l’Europa sia il più discusso, la Mauritania è crocevia di migrazioni che riguardano tutta l’area occidentale del Sahel, in particolare Mali e Senegal. Nel 2006 un’antica scuola di Nouadhibou è stata riconvertita in centro di detenzione per immigrati clandestini. Gli abitanti la chiamano “Guantanamito”.  Amnesty International ha più volte denunciato le condizioni di detenzione disumane nel cento detenzione di Nouadhibou, gli arresti brutali e la mancanza di ricorsi legali per i detenuti di Guantanamito.

Benchè con un mese di ritardo, la giornata di lutto nazionale indetta dal presidente ha riacceso i riflettori sul porto di Nouadhibou. Pescatori e passanti sono restii a chiacchierare con noi. Di notte, mentre le piroghe ondeggiano sul mare a ritmo con il riflesso della luna, un pescatore ci concede un brontolìo frettoloso: “Ci sono sempre così tante persone pronte a partire a tutti i costi. I respingimenti, la morte.. questo non cambia niente. Perchè ognuno pensa di avere diritto di andare a trovare il suo posto”.

di Carla Lucia Leone
Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %