testata_web_pdo_5verde.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Tares: che incubo!

“Come ampiamente previsto da studi e proiezioni di decine di associazioni di categoria, imprese, sindacati, consumatori e Comuni, la Tares sarà una vera e propria batosta soprattutto al Sud. Una bomba ad orologeria che darà una batosta alle famiglie e sarà un colpo mortale per le imprese in un momento nel quale è già un miracolo riuscire a rimanere in attività. Mentre anche in Puglia si moltiplicano i suicidi disperati da parte di chi non riesce più ad andare avanti, il Governo si mostra insensibile all’impatto che questa nuova tassa avrà sul nostro tessuto economico e soprattutto sociale. La Tares non va solo prorogata, ma abolita al più presto”. Lo sostiene in una nota il capogruppo del Pdl alla Regione Puglia Rocco Palese.

Ma già a dicembre scorso Confcommercio aveva lanciato l’allarme sul fatto che i cittadini del Sud, in particolare pugliesi e siciliani, avrebbero subito rincari fino al 300% rispetto ad oggi, perché la maggioranza dei Comuni applica ancora la vecchia Tarsu, più economica della Tia. 

Il Sole 24 Ore sempre rielaborando i dati di Confcommercio rivela che per gli appartamenti la Tares sarà il doppio della Tarsu e per le attività commerciali la Tares potrà arrivare ad essere fino a 18 volte più cara della Tarsu. 

Fra gli esempi citati,  per un appartamento di 100 mq la Tarsu nel 2012 era di 255 euro e la Tares nel 2013 sarà di 320 euro, mentre per un ristorante di 200 metri quadri, a fronte di una Tarsu di 255 euro nel 2012, la Tares nel 2013 potrà arrivare fino a 4733 euro!

"E’ evidente che così si feriscono a morte le famiglie e si ammazzano definitivamente le imprese in un momento già cruciale per la loro sopravvivenza. In Parlamento chiederemo con forza al Governo che la Tares non venga solo prorogata ma definitivamente abolita. Non si può pensare di infliggere questo colpo mortale al tessuto socio economico del nostro Paese”, conclude Palese.

Scritto da Fortunata Dell'Orzo
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %