testata_web_pdo_5arancione.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Rifiuti, l'ennesimo fallimento dell'ambientalismo elettorale di Vendola

Un fallimento. La politica regionale dei rifiuti non potrebbe essere altrimenti definita, dopo quasi otto anni, il Governo Vendola non solo non è riuscito a schiodare dal 20 per cento (rispetto al 65 prevista) la quota destinata al riciclaggio, ma è mancata clamorosamente l’ambiziosa prospettiva di chiudere definitivamente il ciclo, con l’avvio in tutte le ATO, di quegli impianti necessari a che plastica, legno, organico possano rientrare come materie “prime seconde” in un virtuoso e conveniente ciclo produttivo.

Carta, vetro e acciaio, assistiti dai Consorzi del Conai, vantano ovviamente percentuali altissime, che potrebbero essere ancora più alte se si riuscisse a far partire davvero e ovunque la raccolta differenziata. Ma a quasi trent’anni dal decreto Ronchi e dalle leggi attuative che ne sono seguite, che avrebbero dovuto far scomparire le discariche in tutto il sud Italia ed evitare la nascita dei termovalorizzatori, il bilancio disastroso della Puglia induce a ben altre scelte. Ormai la parola inceneritore sembra non essere più un tabù nemmeno per il governo pugliese che pure sembrava, otto anni fa, deciso a confermarne solo cinque, quelli già stabiliti dalla giunta Fitto.

Un ambientalismo spesso forzato da motivi bassamente elettorali, unito ad una sostanziale incapacità amministrativa nel combattere le vere mafie del rifiuto (il caso terrificante della discarica di Conversano dimostra che non serve la Camorra per arrivare a simili eccessi), unito alla situazione devastata dei comuni pugliesi (basta vedere Bari, Foggia e Lecce) non hanno indotto la Regione a prendere per tempo i necessari provvedimenti, fra i quali sicuramente c’era anche lo studio approfondito di come rapportarsi ai Consorzi del CONAI, stabilire convenzioni, incoraggiare la differenziata soprattutto nei piccoli comuni.

Insomma, spreco di risorse, disorganizzazione, demagogia e un fallimento che sa di epocale sconfitta. Se la Sinistra dovesse perder la regione, fra due anni, non potrà che piangere se stessa.

Scritto da Fortunata Dell'Orzo
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %