testata_web_pdo_5verde.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

San Severo: l'unità della Destra è un obiettivo imprescindibile

 

Una sala gremita di gente, come non se ne vedevano da tempo a destra.

Al Teatro Verdi di San Severo, per il convegno promosso da Puglia d’oggi sul futuro della destra, c’erano sono davvero quasi tutti.

Presente al completo gran parte della classe dirigente di quella che fu An in Provincia di Foggia.

Tra i presenti non ci sono più distinzioni tra La destra, Io Sud, Fli, Pdl.

La platea ha dimostrato come esista un vasto mondo di destra che non si riconosce in nessun partito attuale e non aspetta che un segnale di una nuova offerta politica, di un nuovo unico partito, forte e unito, di destra.

Non più tante destrine dell’uno o del due virgola qualcosa, ma una forza capace di avvicinare le cifre di An, che è stato il più grande partito della destra in Italia. .

La provincia di Foggia è una terra che diede grandi soddisfazioni alla destra italiana come ha ricordato il direttore Fabrizio Tatarella che, in modo instancabile da questa estate, promuove incontri e dibattiti per fare ritrovare l’unità alla destra.

“I primi Sindaci del Msi furono eletti in Puglia, in Capitanata: San Severo, Foggia, Cerignola, Orta Nova, questa è stata una delle terre più a destra del Paese, uniti possiamo tornare a raggiungere qui risultati che competono alla destra” afferma tra l’entusiasmo dei presenti il direttore del nostro quotidiano online.

Paolo Agostinacchio rivendica come il meridionalismo sia da sempre nel dna della destra italiana. Per l’ex Sindaco di Foggia è il momento di mettere da parte i rancori e ridare una casa ai tanti elettori di destra che si sentono privi di una rappresentanza e di un forte appartenenza.

Molto applauditi anche gli interventi di Adriana Poli Bortone e Salvatore Tatarella che di An furono coordinatori regionali raggiungendo importanti vittorie in Puglia con la loro guida.

Fabrizio Tatarella ricorda ai presenti che oggi “la destra non ha un partito, non ha delle idee, non ha un leader che sia anche un grande oratore.” “Almirante e Fini – afferma il direttore di Puglia d’oggi -  sono stati due grandi leader e due grandi oratori. Queste sera ho il piacere di presentarvi il migliore oratore della destra italiana di oggi e sicuramente uno dei leader della destra di domani.”

Le conclusioni sono affidate a Nello Musumeci, stimato esponente della destra siciliana, già Presidente della Provincia di Catania, tra i più apprezzati d’Italia, ex deputato europeo, amatissimo nella sua Sicilia.

“Fratelli d’Italia deve scendere dal trono e capire che due realtà divise porteranno la destra a sparire” tuona.  “Un albero senza radici non ha prospettive di vita in futuro. Non perdiamo altro tempo, ogni giorno che perdiamo nel ricomporre la destra italiana è un suicidio politico collettivo al quale non possiamo assistere inermi. Dobbiamo farlo per tutti noi, per tutti, poi, per i nostri vivi certo, ma soprattutto per i nostri morti che non meritano di avere sacrificato la loro vita per vedere una destra morta”. Il Vice Segretario nazionale de La Destra di Storace è convinto che si debba arrivare entro l’anno alla fusione tra tutte le forze che provengono dalla storia di An. E’ la convinzione di tutti i presenti consapevoli di essere la maggioranza del popolo di destra.

embed video plugin powered by Union Development
Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %