testata_web_pdo_5verde.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Canonico e MeP al fianco di Emiliano per la scalata alla Regione

Nicola Canonico ha fatto la sua scelta. Non è nel Pd (almeno ufficialmente) ma sostiene a tutto spiano Michele Emiliano. Si distingue, ma scende in campo al fianco di Matteo Renzi. Tiene le distanze ma dice la sua sul congresso che è chiamato a scegliere il successore di Bersani (quello di Epifani è un interregno tanto anomalo quanto necessario in mesi che avrebbero potuto spaccare in due il partito e che comunque lo hanno tenuto insieme).

La strategia di Nicola Canonino appare ora un po' più chiara. Scelta e selezione accurata dei cavalli vincenti per poi puntare tutto su di loro. Renzi vincerà il congresso dell'Immacolata. Così come Emiliano con ogni probabilità si appresta a vincere le primarie per la successione a Nichi Vendola.

E Canonico, che da Vendola si era smarcato nel corso dell'ultima legislatura (almeno a parole), e che soprattutto ha percorso strade lontane dal Pd, che lo hanno portato da essere il consigliere regionale più suffragato di quel partito a fondatore e leader indiscusso di un suo personale movimento politico (MeP), ha scelto di correre al fianco di Michele Emiliano nelle prossime regionali.

E di conseguenza di posizionarsi pesantemente, nelle primarie per le prossime amministrative.

"Sostegno incondizionato a Matteo Renzi quale candidato di coalizione alle prossime elezioni politiche e a Michele Emiliano quale candidato alla presidenza della Regione Puglia e partecipazione alle primarie del centrosinistra per la scelta del candidato sindaco di Bari, Comune in cui le amministrative si terranno nella prossima primavera".

Non un patto, ma “una vera, convinta e definitiva adesione della lista dei Moderati e Popolari - che fa capo al consigliere regionale Nicola Canonico - alla coalizione del centrosinistra per i prossimi appuntamenti elettorali amministrativi, regionali, nazionali e europei”, siglata dallo stesso Canonico, per l'occasione accompagnato dai colleghi consiglieri Giacinto Forte e Antonio Martucci, e il sindaco di Bari e presidente del Pd Puglia, Michele Emiliano.

Il leader dei Moderati e Popolari spiega così la scelta politica a proposito della raggiunta intesa: “Dopo lungo travaglio politico, abbiamo inteso contribuire al rafforzamento e alla riaffermazione del centrosinistra nella nostra regione, sostenendo quale candidato sindaco della città di Bari il vincitore delle elezioni primarie che si terranno nei prossimi mesi e, comunque, il centrosinistra nei prossimi appuntamenti elettorali, a cominciare dalle regionali, in cui sosterremo Emiliano. La nostra decisione - prosegue Nicola Canonico - è il risultato del rapporto di particolare fiducia che ci lega alla persona del sindaco di Bari, il quale si è sempre battuto per evitare che le ragioni del nostro movimento scomparissero dall’agenda politica del centrosinistra, evitando così la marginalizzazione di migliaia di donne e uomini che in questi anni si sono battuti in modo decisivo per la vittoria del centrosinistra al Comune di Bari nel 2009, alla Regione Puglia nel 2010 e alle ultime elezioni politiche, consentendo anche il conseguimento del premio di maggioranza alla Camera e il “valore aggiunto” di un pacchetto di 33mila voti al Senato. Adesione convinta anche per la condivisione del programma politico nazionale esposto dal sindaco di Firenze, Matteo Renzi, nel corso della kermesse della Leopolda”.

Il movimento dei Moderati e Popolari vuole far valere all’interno della coalizione il principio di parità di trattamento rispetto a tutte le altre forze presenti. Del resto lo stesso Nicola Canonico ricorda i 17mila voti conseguiti nella sola provincia di Bari alle ultime regionali e la presenza, oltre che di un gruppo di tre consiglieri regionali, anche di più di 60 rappresentanti del MeP impegnati nei vari livelli amministrativi pugliesi.

La scelta è dunque compiuta. Nel centrosinistra (e non c'erano dubbi) ed affianco al Pd (e non c'erano dubbi), ma senza far parte del Pd a sostegno di Emiliano. Un modo chiarissimo per far capire a quanti nel Pd hanno ancora voglia di opporsi al ticket pugliese tra Renzi ed Emiliano (fino a qualche mese fa non certo pronosticabile) che non ci sarà trippa per fatti.

Scritto da Roberto Mastrangelo
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %