testaa_web_pdo_5blu.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Poli Bortone: continuiamo a scrivere la nostra Storia

 "C'è chi ha voluto cancellarla, quella storia. Ma noi intendiamo continuare a scriverla." Si chiude così l'intervista che ci ha concesso la Senatrice Adriana Poli Bortone, fra le presenze più attese a Manfredonia, per quel meeting della Destra italiana, organizzata da Puglia d'Oggi, qualcosa più di un tentativo per rimettere insieme i cocci di un destino che il Berlusconismo, nei fatti, è riuscito a ledere meglio e più di qualunque sinistra.

"Ho sentito Fabrizio Tatarella e ho colto nell'iniziativa lo stesso spirito costruttivo di Lecce, un tentativo per raccogliere tutte le anime, non direi solo di Aenne, ma di quella destra italiana che, in un'alleanza meglio equilibrata con Forza Italia, avrebbe potuto ancora (e aveva il dovere di farlo) le idee e i progetti che le sono propri".

Adriana Poli Bortone pensa soprattutto ai temi dell'economia e del rapporto, attualmente non ottimale, fra capitale e lavoro: "L'alleanza con Berlusconi si era appiattita sui rapporti di forza, sulle poltrone e sulla spartizione delle cariche, trascurando completamente le idee, anzi, gli ideali. Una visione spintamente liberista, mai accettata del tutto dalla nostra base, da coloro che credevano e credono che sia possibile un altra visione dell'economia, nazionale ed europea e che, tanto per citare un tema carissimo alla destra, potrebbe favorire la partecipazione dei lavoratori non solo agli utili di un'impresa ma anche alla sua gestione".

Cita l'ILVA: "Io vorrei che si aiutasse l'azienda, non dando i soldi ai Riva, ma costringendoli ad aprire la società ai lavoratori, che possano decidere anche sulla gestione e sul futuro di un intero territorio".

E alla base pensa ancora Adriana quando ricorda la delusione, il distacco dalla politica, l'astensionismo o il voto di protesta dato a Grillo: "La nostra gente ha visto giochi di potere invece di politica, non ha capito perchè abbiamo abbandonato la socialità, la riflessione su un'Europa dei Popoli e non dei mercati, sulla cittadinanza e su un presidenzialismo equilibrato" Tutti temi che del resto erano stati al centro del Manifesto degli Intellettuali della Destra che in un certo senso aveva ispirato il meeting di Lecce.

A Manfredonia Adriana non potrà essere presente anche se, con certezza, ne seguirà attentamente temi e sviluppi. Chiudiamo l'intervista con un cenno al grande patrimonio della vecchia Alleanza Nazionale "di cui tutti noi militanti eravamo azionisti" afferma. "Socializzare quel patrimonio è un fatto morale. E certo non possono essere 14 persone soltanto a decidere per qualcosa che nei fatti apparteneva a milioni di militanti". Compreso, ci permettiamo di aggiungere, il Secolo d'Italia, il giornale del partito.

 

Scritto da Fortunata Dell'Orzo
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %