testata_web_pdo_5arancione.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Campagna elettorale, il bilancio di Identità Popolare

La campagna elettorale per le elezioni amministrative del 25 maggio 2014 che daranno un nuovo governo alla città  di Bari, si è conclusa.

La lista civica Identità Popolare, una lista autonoma e scollegata da partiti, a consuntivo della campagna elettorale, non può che   evidenziare il perpetuarsi di  dinamiche elettorali, retaggi di un  passato che stenta a morire:

-        Ingenti risorse spese più per apparire che per essere con una visibilità di alcune liste a danno di altre, con la complicità di un sistema mediatico che ha dovuto  rispondere più a “scelte editoriali” che a scelte di contenuto e di pari opportunità;

-       Comportamenti fuori dalle regole più elementari  nell’affissione dei manifesti dovunque e comunque;

-       Raccolta di voti  spesso ben camuffata dalla nomina a pagamento  dei rappresentanti di lista  nei seggi elettorali;

-       Molte promesse irrealizzabili in particolare verso coloro che versano in condizioni di fragilità sociale ed economica.

-       Sondaggi giornalistici  ad uso e consumo e contrari alle previsioni di legge.

Comportamenti virtuosi e in senso contrario, per ragioni di verità,  vanno comunque rimarcati anche se limitati, in talune aree dell’informazione pubblica e privata.   

La lista che scrive non vuole per quanto detto ergersi a giudice di nessuno e di alcunché. Ma ritrova e rafforza in tali comportamenti tutte  le ragioni per  le quali  è nata. Ragioni confermate dall’incontro con tanti cittadini in questa  campagna elettorale .

E’  nata appunto, con i suoi evidenti limiti, perché i cittadini baresi sono stanchi di subire le caste e le lobbies proliferate che hanno contribuito ad aggravare il disagio sociale che non ha permesso di godere pienamente dei beni e dei servizi pubblici.

Bari è una città con il volto smarrito e Identità Popolare cerca di ritrovare questo volto.

La lista conta espressioni diverse della società barese con volti nuovi e varie  esperienze di giovani e adulti.

Bari, bollino rosso della spesa sociale per abitante, è all’ultimo posto delle città metropolitane. Dobbiamo recuperare questa posizione negativa con un super Assessorato al Welfare che, all’attenzione per le fragilità sociali (anziani, minori, disabili e  famiglie numerose) ,  accompagni un piano straordinario per il lavoro in particolare sul versante della cura e manutenzione del territorio. Un piano che  attinga risorse anche dalle spese parassitarie delle consulenze esterne, a sostegno delle precarietà  e delle piccole imprese, premiando nel sistema degli appalti , le imprese che si impegnino ad assorbire una quota di forza lavoro dagli elenchi dei  disoccupati dell’Ufficio per l’Impiego.

Identità Popolare è per un nuovo Piano Regolatore partecipato dai cittadini che sposi il recupero anziché il consumo del suolo, la bellezza, la cultura e il benessere anziché il degrado e l’attentato alla salute pubblica (amianto e squilibrio idro-gelogico) e che metta fine a lunghi, sterili e costosi  dibattiti urbanistici, come quello dell’accorpamento delle funzioni della giustizia, orientandosi per  aree compatibili con l’ambiente e la vocazione forense  da sottrarre al degrado degli anni futuri come quell’ dell’ex raffineria Stanic.

L’intolleranza e lo sconforto lascino il posto ai diritti umani, all’accoglienza, alle diversità, alla speranza di un futuro, al rispetto della persona e degli animali.

L’illegalità e la criminalità e i suoi sistemi estorsivi nei confronti del commercio e dell’impresa  lascino il posto a una Istituzione vigile e a un  cittadino responsabile e la politica si sganci dal malaffare.

Identità Popolare infine è per un decentramento amministrativo vero, quello che avvicini il cittadino all’Istituzione al punto tale da renderlo protagonista della cura e rigenerazione dei beni comuni.

C’è uno scontro in atto nella nostra società, è stato detto da più parti, uno scontro  tra rabbia e speranza. Identità Popolare è nata perché abbia la meglio la speranza.

Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %