testaa_web_pdo_5rosso.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

In Regione? Se e quando c'è tempo...

E tanto per cambiare... uno slittamento della seduta del Consiglio regionale.

Ormai ci siamo abituati, decisamente, a vedere le riunioni in via Capruzzi slittare e scivolare nel calendario per incastrarsi meglio con i lavori del Parlamento e le esigenze della politica nazionale.

Questa volta, almeno, dobbiamo segnalare soloun giorno di ritardo. Mercoledì 3 e giovedì 4 aprile: sono le nuove date della seduta del Consiglio regionale. Lo slittamento dal 2 aprile è stato proposto dal presidente Onofrio Introna ai capigruppo e accolto all’unanimità, per consentire ai consiglieri eletti in Parlamento di partecipare alla seduta convocata per lo stesso martedì 2, con all’ordine del giorno la relazione del presidente del Consiglio Mario Monti e del ministro dell’economia Vittorio Grilli sulle prospettive di crescita del Paese.

Giustamente, mica vorremmo pensare che le questioni pugliesi vengano prima... nè tanto meno che i Parlamentari eletti debbano vere l'obbligo, per lo meno morale, di lasciare il posto ad altri, in maniera da consentire i lavori di entrambi gli organi. Onorevoli e senatori a Roma, consiglieri regionali a Bari, e tutti che lavorano per il bene della nostra regione.

Invece le logiche politiche hanno portato ad un doppio incarico per un quinto dei consiglieri regionali, che ormai fanno la spola tra Bari e Roma più che essere presenti negli uffici di Via Capruzzi.

A poco vale la notizia che l’indennità di carica dei consiglieri regionali eletti in Parlamento è sospesa, così come deliberato dall'Ufficio di Presidenza. Il problema è soprattutto politico, e non economico.

“In considerazione dei contenuti del documento che sarà illustrato alle Camere e che conterrà, tra l’altro, le misure per accelerare  i pagamenti dei debiti della Pubblica amministrazione verso i Fornitori, invito i nostri colleghi impegnati nelle Camere ad assicurare la propria presenza e il contributo ad un decisione così importante”, osserva Introna. “È auspicata anche da tutta la Puglia, a cominciare proprio dal Consiglio – fa notare - e attesa dal sistema imprenditoriale come una boccata d’ossigeno,  per le nostre aziende soffocate da una crisi che si fa ogni giorno più asfissiante”.

All’ordine del giorno delle sedute consiliari del 3 e 4 aprile numerose leggi, oltre all’elezione dei tre grandi elettori pugliesi del Capo dello Stato. La seconda giornata sarà dedicata ad interrogazioni e interpellanze.

Tornando alle misure governative a vantaggio delle imprese creditrici, per quanto riguarda i debiti di Regioni ed enti locali, si va verso l’allentamento dei vincoli del patto di stabilità interno, in modo  da consentire l’uso degli avanzi di amministrazione. Viene prevista inoltre l’istituzione di fondi di rotazione per assicurare liquidità agli enti territoriali e la deroga alle spese 2013 per i cofinanziamenti nazionali dei fondi strutturali comunitari. Tra gli altri interventi, per i debiti del comparto sanitario verranno concesse anticipazioni di cassa per pagamenti già previsti negli esercizi precedenti.

Scritto da Roberto Mastrangelo
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %