testaa_web_pdo_5blu.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

10 anni e 30 milioni, sarà la volta buona per il Depuratore di Pulsano?

Il nuovo depuratore consortile di Pulsano e Leporano si prevedeva che sarebbe stato consegnato e messo in funzione prima dell’inizio di questa estate, dopo oltre 10 anni di lavoro e 30 milioni pubblici investiti per completare l'opera.

Le ultime rassicurazioni della Regione Puglia sono state quelle di Fabiano Amati, poche settimane prima di lasciare il suo assessorato. Da allora, nessuna notizia fino al 18 maggio, in cui si parla di una riunione tecnica per "monitorare lo svolgimento di tutte le attività necessarie all'avvio dell'impianto di depurazione di Pulsano e Leporano, che dovrà necessariamente avvenire entro la prossima estate, nonostante i furti e gli atti vandalici che hanno inevitabilmente provocato un ritardo sull'iniziale cronoprogramma di rifunzionalizzazione", così come ha sottolineato il successore di Amati nell'assessorato alle Opere Pubbliche Giannini.

"Così come avevamo deciso durante la scorsa riunione tecnica di gennaio - ha spiegato l'assessore - Acquedotto pugliese ha intanto consegnato i lavori già previsti ed oggetto del progetto di rifunzionalizzazione e sta provvedendo all'acquisto diretto delle macchine e delle attrezzature trafugate e/o vandalizzate".

Dunque, ci sono ritardi e non si sa se effettivamente i lavori potranno essere conclusi entro poche settimane, per permettere ad un bacino di utenza di oltre 80mila abitanti, ma che di estate prevedibilmente raddoppia la sua capienza, di poter usufruire di servizi essenziali come quelli di un depuratore.

E' lo stesso Fabiano Amati, ora consigliere regionale Pd, a cercare di pungolare la Regione Puglia ad agire.

"Ritengo opportuno fare il punto sullo stato delle opere di rifunzionalizzazione e avvio in esercizio dell'impianto di depurazione a servizio dei comuni di Pulsano e Leporano. Per questo, ho chiesto al presidente della V commissione consiliare Donato Pentassuglia, di convocare in audizione rappresentanti del Comune di Pulsano e dell'Acquedotto pugliese".

"L'audizione sarà utile - ha spiegato Amati - per verificare l'effettivo svolgimento di tutte le attività determinate dal cronoprogramma stabilito in sede di conferenza di servizi allo scopo di avviare l'impianto. Salvo inconvenienti, i lavori avrebbero dovuto concludersi entro l'inizio della stagione estiva, momento particolarmente sensibile soprattutto per quelle località meta di turisti. Acquedotto pugliese, infatti, concluse la fase di progettazione e le procedure d'appalto, ha provveduto alla consegna dei lavori. A sua volta, il Consorzio di Bonifica ha consegnato i lavori sul Canale Maestro, individuato come recapito finale dell'impianto, finanziati dal Ministero delle Politiche agricoli e forestali, volti a risolvere problematiche legate alla continuità idraulica dello stesso".

"Poiché l'impianto è stato vittima di furti e di atti vandalici, che hanno inevitabilmente influito sullo svolgimento dei lavori, ritardando la data di avvio dell'opera, confido nella responsabilità degli organi preposti affinché sia reso noto lo stato di avanzamento delle opere di rifunzionalizzazione di un impianto necessario alla tutela della salute pubblica".

Ma c'è anche chi vuole allargare il problema a tutta la riva jonico-salentina. I consiglieri Carroppo (PpdT) e Negro (Udc) hanno infatti chiesto al presidente Pentassuglia di ascoltare in commissione anche i sindaci dei comuni pugliesi che si affacciano sullo jonio insieme "all’assessorato regionale all’Ambiente, della Provincia di Lecce, dell’AQP, del Comune di Gallipoli e dei Consorzi di Bonifica in ordine alle problematiche relative agli scarichi da impianti di depurazione al fine di avere una visione complessiva della questione per l’intero arco jonico-salentino e di ottimizzare i lavori della Commissione, di allargare tali audizioni ai Comuni rivieraschi di Sannicola, Galatone, Porto Cesareo e Nardò, anch’essi seriamente interessati”. 

Scritto da Roberto Mastrangelo
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %