testata_web_pdo_5verde.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Natuzzi, si lavora al prossimo tavolo tecnico

E' indubbiamente un segnale positivo l'accettazione, da parte dell'azienda, della richiesta di sospensione delle procedure di mobilità avanzata dal Tavolo ministeriale e bene ha fatto dunque Pasquale Natuzzi a decidere in tal senso.

Un piccolo passo indietro che aiuta a ritrovare il dialogo con il territorio anche se oggi avremmo preferito discutere di un preciso Piano industriale e del futuro di 1726 famiglie senza questo fardello ingombrante e minaccioso di licenziamenti già annunciati e avviati. Naturalmente, la revoca delle procedure di mobilità, anziché il congelamento, avrebbe significato lavorare con maggiore serenità. Ci auguriamo però che l'azienda ora non perda altro tempo e scelga definitivamente di muoversi sul terreno della chiarezza, della trasparenza e delle corrette relazioni industriali, offrendo all'interlocuzione delle parti, il meglio delle proprie competenze".

Così il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola commentando l'esito del Tavolo ministeriale sulla vertenza Natuzzi che si è svolto sabato mattina  a Roma e al quale hanno partecipato, in rappresentanza della Regione Puglia, l'assessore regionale al Lavoro Leo Caroli e il direttore d'Area Politiche per lo Sviluppo economico, lavoro e innovazione Antonella Bisceglia.

"Osservo che - ha detto Caroli - ci è stato presentato un documento da parte dell'azienda, che non è certamente un piano industriale. Il documento ipotizza 1726 licenziamenti, la chiusura dello stabilimento di Ginosa, del polo logistico di Matera La Martella e la chiusura parziale di Matera-Jesce. Per la Regione Puglia ovviamente si tratta di ipotesi del tutto inaccettabili".

Caroli ha annunciato che "al fine di consentire un approfondimento di carattere tecnico volto a definire la parziale riduzione del costo di produzione, l'ottimizzazione del lavoro, la riqualificazione delle linee produttive e della rete di vendita, il Ministero ha fissato per il prossimo 15 luglio la riunione di un tavolo tecnico appositamente convocato".

"Si tratta adesso di compiere ogni sforzo affinché vengano scongiurate le chiusure degli stabilimenti e venga significativamente ridotto il numero dei possibili esuberi - ha concluso Caroli - e in tal senso, da un lato c'è la disponibilità resa dalle Organizzazioni sindacali ad avviare una trattativa di merito per la conseguente assunzione di responsabilità da parte delle stesse, dall'altro c'è il supporto riveniente dagli strumenti di sostegno previsti dall'accordo di programma che possono rappresentare una formidabile dotazione utile a contribuire all'individuazione di soluzioni di rilancio per l'intero distretto. Noi, Regione Puglia, continueremo a svolgere quella funzione di raccordo interistituzionale, anche con le parti sociali, che oggi ha permesso, di raggiungere questo primo risultato".

Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %