testata_web_pdo_5verde.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Autocontrollo e burocrazia, giro di vite alle regole

Ogni norma che vada verso la trasparenza di gestione e la lotta alle irregolarità in aziende, enti, agenzie e corpuscoli vari sotto il controllo e la vigilanza diretta o indiretta della Regione sono bene accette. E bene ha fatto Fabiano Amati, uno a cui la trasparenza ed il controllo di legittimità stanno molto a cuore, sia per "deformazione professionale" che per indole, a presentare come primo firmatario una norma, approvata all'unanimità dal Consiglio regionale, in tal senso.

Adesso vige l'obbligo di trasmettere alla Regione, o meglio alla Presidenza del Consiglio ed alla Giunta regionale, tutti gli atti contenenti rilievi contabili o irregolarità amministrative, per dare modo alla Regione di agire in autotutela e comunque di poter intervenire tempestivamente nelle questioni che riguardano la spendita del denaro pubblico, possibilmente prima di essere baccheccati, o peggio condannati, dalla magistratura contabile.

“Con l’inasprimento delle norme di controllo sulle società, aziende, enti e agenzie, collegate o poste sotto la vigilanza della Regione, il Consiglio regionale ha sancito la volontà di puntare sull’autocontrollo e a tempo debito, evitando di attendere l’intervento di altre Autorità, magari giudiziarie, e prima che le situazioni di eventuali irregolarità possano aggravarsi e raggiungere condizioni non più rimediabili. Prevenire è pratica più virtuosa della cura”.

Lo dichiara il Consigliere regionale, Fabiano Amati, commentando la norma contenuta nella legge di assestamento di bilancio, approvata ieri in Consiglio regionale, con la quale si obbligano gli organismi di vigilanza contabile delle società, aziende, enti, agenzie ecc., collegate alla Regione, a comunicare alla Giunta regionale e alla Presidenza del Consiglio regionale – nel termine perentorio di cinque giorni - tutti gli atti contenenti rilievi contabili o irregolarità amministrative.

La norma, proposta dallo stesso Amati, quale primo firmatario, e da tutti i consiglieri regionali del Partito Democratico, è stata approvata dal Consiglio regionale all’unanimità.

“Sono soddisfatto – afferma Amati - per l’approvazione della norma e per questo ringrazio tutti i colleghi Consiglieri regionali per l’unanime voto favorevole, che dimostra la capacità che ormai abbiamo di farci ‘grande coalizione’ sui temi più rilevanti attinenti a risparmio, risanamento, semplificazione e trasparenza”.

“Naturalmente, le norme sono solo una faccia della medaglia. L’altra – evidenzia il consigliere regionale - riguarda un processo di educazione alla regolarità amministrativa, sulla quale le leggi svolgono funzioni di ‘istigazione’ all’imitazione, a carico degli apparati burocratici, delle altre istituzioni territoriali e di tutti i cittadini. È in fondo una questione di ‘buoni esempi’, perché il processo verso la pubblica amministrazione esemplare interpella la classe politica solo nella sua capacità di applicare a se stessa, prima di tutto, ciò che si vorrebbe che tutti gli altri facessero”.

“È questo ciò che celebro con maggiore soddisfazione – conclude Amati - perché il resto attiene – ovviamente – alla solita disponibilità a fare buon uso delle leggi, all’applicazione rigorosa, e soprattutto alla più liberale speranza che questo tipo di leggi non ci sia il bisogno di applicarle”.

Purchè poi nella Regione Puglia ci siano persone ed organi in grado di agire tempestivamente sul controllo. Trasmettere senza controllare, o peggio, ricevere senza intervenire sarebbe una colpa ancora maggiore.

Fatti i controlli, ora bisogna controllare i controllori. E questo è uno specifico compito della politica. Di tutta la politica.

Scritto da Roberto Mastrangelo
Newsletter



Invest
IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %