testata_web_pdo_5celeste.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Concorsone: beffa inaccettabile

«Non possiamo accettare che questo stato di cose si cristallizzi ma la politica assieme ai sindacati deve avviare una battaglia decisa per una difesa coerente e non casuale del diritto al lavoro che è tutt'uno con la dignità di ogni persona» Il Consigliere regionale Giovanni Epifani (Pd) interviene  sulla vicenda dei vincitori del concorso del 2012 per la scuola che al momento sono privi di cattedra.
«Come è possibile che solo alcuni, meno della della metà, dei 12mila vincitori del cosiddetto concorsone del 2012 a settembre potranno lavorare nelle scuole? C'è chi ha vinto ma non potrà ottenere il posto di lavoro che gli spetta di diritto, addirittura per alcuni di loro non sarà possibile neanche rientrare nelle graduatorie ad esaurimento (GaE). Come può una persona che ha vinto regolarmente un concorso pubblico sentirsi dire che quel concorso non è più valido e che gran parte delle nuove assunzioni attingeranno alle GaE, causa spending review e blocco dei pensionamenti? Perché ogni volta il sistema italiano va in corto circuito e produce una serie di eccezioni per le quali i diritti fondamentali non valgono? É colpa delle lobby dei concorsi che creano profitto? O dobbiamo pensare che lo Stato per l'ennesima volta ha sbagliato nel fare i calcoli?» si chiede Epifani. Sta di fatto che il ministero ha annunciato che le disponibilità di cattedra sono notevolmente inferiori rispetto a quelle previste «come se una qualsiasi amministrazione pubblica, ad esempio un Comune, indicesse un concorso per 10 posti di lavoro e poi si tirasse indietro dicendo di aver fatto male i conti» ironizza il consigliere.
«A sostenere questi concorsi ci sono migliaia di uomini e donne che studiano duramente, che sostengono delle prove e dei costi, che coltivano ambizioni e che in base a queste fanno delle scelte di vita. Uomini e donne il cui diritto al lavoro gli viene negato dallo Stato, quello stesso Stato che fa le battaglie per la tutela dell'occupazione nelle aziende private e che poi dimentica la dignità delle persone quando è esso stesso a bandire i concorsi. Una logica questa tutta italiana che oltre al danno non risparmia neanche la beffa proprio come nel caso degli esodati, altra eccezione tipica del nostro sistema che per l'ennesima volta priva i cittadini di quanto spetta loro» conclude Epifani.  
Scritto da Fortunata Dell'Orzo
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %