testata_web_pdo_5arancione.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Ritorno al futuro e le bugie di Vendola

"Più che un Ritorno al Futuro l'edizione 2013 del bando regionale promosso dall'assessorato al Diritto allo Studio e alle Politiche giovanili rischia di tramutarsi in oltre 2600 speranze stroncate". A dirlo è il gruppo denominato “Ritorno al Futuro ammessi non finanziati” che grida alla necessità di più soldi, per garantire il diritto allo studio di tanti studenti. Tanti sono, infatti, i laureati pugliesi ammessi ma non finanziati: 18 milioni di euro stanziati nell'ambito del PO Fesr 2007/2013 hanno coperto solo 1284 istanze a fronte di oltre 5mila domande presentate per ottenere un finanziamento utile a frequentare master in Italia e all'Estero.

"Una prima richiesta da parte del coordinamento degli Ammessi ma non Finanziati è stata già inoltrata all'Assessore al Diritto allo Studio Alba Sasso, per ottenere un'integrazione da aggiungere al plafon dei fondi disponibili. Una domanda basata sul raffronto con le precedenti edizioni del bando Ritorno al Futuro: nel 2008 infatti, furono destinati su complessivi due avvisi 80 milioni di euro per finanziare master post lauream, oltre 28 milioni nel 2009 e 20 milioni di euro nel 2011, che diventarono 25 per garantire il diritto allo studio di tanti candidati. Mai quanti se ne sono registrati quest'anno, per un bando atteso da due anni e mezzo e che ha registrato solo il 33% delle istanze correttamente presentate ammesse a finanziamento.

Abbiamo chiesto al governatore Nichi Vendola un incontro, in cui esporre le nostre idee ed ascoltare le loro ragioni e le eventuali soluzioni, sapendo del Suo impegno per far sì che i fondi europei non spesi dalle altre regioni possano finanziare attività come quella di Ritorno al Futuro.

Chiediamo che la Regione Puglia faccia la sua parte per garantirci non solo il legittimo diritto allo studio, ma anche il rispetto dei criteri di pari opportunità e della ripartizione proporzionale dei fondi, così come imposto dall'Unione europea nel Regolamento n.1083/2006 che disciplina la programmazione 2007 -2013. 

Ci vediamo privati del diritto di formarci nel miglior modo possibile seguendo i nostri sogni e le nostre aspirazioni, unico sale per far diventare la nostra Terra, la Puglia, una terra Migliore. Apparteniamo ad una generazione che deve guadagnarsi tutto lottando con il coltello fra i denti, siamo arrabbiati ed insieme delusi e proprio per questo chiediamo conto dell'operato di chi governa e decide il nostro futuro".

 

 

 

 

Scritto da Andrea Dammacco
Newsletter



Invest
IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %