testaa_web_pdo_5rosso.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Cannabis, scontro Vendola - Congedo

Il dibattito sulla liberalizzazione delle droghe leggere, tanto per cambiare, è sempre al centro dell'attenzione del dibattito politico in Italia. Sono in molti a scommettere che i tempi sono maturi per una legge che possa liberalizzare l'uso delle droghe leggere, ma altrettanti sono pronti a scommettere che, alla fine, non se ne farà nulla, come da anni accade nel nostro paese.

Naturalmente sulla questione è intervenuto anche Nichi Vendola. Il Governatore della Puglia da tempo si batte per una liberalizzazione delle droghe leggere, e della cannabis in particolare. Sul suo profilo facebook oggi ha scritto: "La legge Fini-Giovanardi è una legge sbagliata, feroce, inefficace. Il proibizionismo non è altro che manna dal cielo per i narcotrafficanti. L'uso terapeutico della cannabis è già una realtà in molti Paesi e negli Stati dove la cannabis è legale il consumo è sceso dopo la legalizzazione. In tutto il mondo, dall'Uruguay al Colorado, se ne discute e si volta radicalmente pagina: noi che cosa stiamo aspettando?"

Poco più di aria fritta, che con la Puglia c'entra poco o nulla. Questo, invece, in sostanza il giudizio, profondamente negativo, del vicepresidente del gruppo di Fi in consiglio regionale, Saverio Congedo.

"Con l’ennesima fuga dai problemi veri della comunità pugliese ed in particolare della sua componente giovanile - a cominciare ad esempio dal record nazionale di perdita di posti di lavoro e dal flop delle politiche in materia di occupazione - Vendola ritorna sulla liberalizzazione delle cosiddette droghe leggere, fingendo di ignorare che esse, normalmente, altro non sono che l’iniziazione a quelle cosiddette pesanti, con quel che ne consegue".

Il dibattito sulla questione è aperto da tempo.

"Personalmente - sottolinea Congedo - sono risolutamente contrario a politiche di legalizzazione ed alla distinzione fra droghe leggere e pesanti -, ma ciò che in questo momento emerge è il tentativo del Governatore di Puglia di aggrapparsi a campagne di distrazione di massa che gli evitino di misurarsi con i consuntivi deludenti della sua stagione di governo. Se poi l’obiettivo è recuperare il consenso perduto per i risultati del suo Governo, soffiando sul fuoco di fenomeni sociali che possono distruggere giovani vite e famiglie, saremmo di fronte ad un cinismo che preferisco non qualificare".

Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %