testaa_web_pdo_5blu.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Lite Vendola-Pd: Introna prova a fare il pompiere

Le fiamme della polemica oggi nel centrosinistra pugliese divampano alte. Tanto che anche il presidente del Consiglio Regionale Onofrio Introna prova a far da paciere. Per la verità senza grossi risultati, e con una tempistica che lascia delle perplessità.

Abbiamo più volte sottolineato la distanza che c'è tra il Consiglio Regionale e la Giunta, che spesso (per non dire sistematicamente) dimentica il ruolo dell'Aula consiliare e procede per la sua strada, senza tenere nella giusta considerazione il ruolo e le prerogative del Consiglio: assessori assenti, nessuna risposta alle interrogazioni una volta si e l'altra pure, Commissioni consiliari saltate e disertate dalla Giunta...

Un colpo al cerchio ed uno alla botte, quello di Introna. Che da un lato richiama a rinfoderare le lame, e dall'altro sottolinea la necessità di una verifica di maggioranza, che difficilmentesi terrà in tempi brevi.

Un appello ad evitare polemiche e soprattutto a ricordare le importanti scadenze per il centrosinistra (primarie ed elezioni europee) arriva dal presidente del Consiglio regionale Onofrio Introna, che invita alla distensione e alla responsabilità, dopo le “incomprensioni” tra il presidente Nichi Vendola, il capogruppo Pd Pino Romano e il consigliere Fabiano Amati.

“Una indecifrabile caduta dei livelli di confronto e di dialogo non rappresenta un buon viatico per la campagna elettorale dello schieramento progressista. È incettabile questa delegittimazione del presidente Vendola, che, si ricorda, col sostegno di tutte le forze politiche della maggioranza, ma soprattutto col consenso, la stima e la fiducia dei pugliesi, è stato investito della responsabilità di guidare la Puglia fino alla primavera 2015.

È ancora più incomprensibile questo dibattito a lame scoperte, perché rischia di annullare il buon lavoro che la Giunta e il Consiglio regionale hanno sviluppato in questi nove anni, per realizzare il programma con il quale il centrosinistra, per ben due volte, si è proposto agli elettori e ha vinto.

Sarebbe sbagliato, ingiustificato e autolesionistico scalfire una collaborazione che ha dato frutti straordinari, in controtendenza anche rispetto alla crisi economica. Sarebbe un errore fatale interrompere la straordinaria progressione di governo che ha condotto la Puglia a conseguire risultati di sviluppo e di progresso tra i più apprezzati nel Paese.

Il mio rammarico è ancora più forte perché tutto questo appare decisamente ingeneroso nei confronti del popolo pugliese del centrosinistra, che invece dovrebbe unirsi ed essere incoraggiato alla vigilia delle primarie per la scelta dei sindaci di Bari, di Foggia e di altri centri importanti.

Invito pertanto il presidente Vendola a voler convocare con urgenza una riunione dei gruppi di maggioranza, allargata ai responsabili regionali dei partiti della coalizione, per procedere in tempi rapidissimi ad un deciso cambio di passo. Il confronto dovrà portare a completare il programma e a ricostituire, con ritrovata e necessaria sintonia, il clima di collaborazione che ci condurrà ad affrontare col giusto entusiasmo le primarie, con l’auspicabile ampia partecipazione dei cittadini, e a lanciare la competizione elettorale del centrosinistra per il rinnovo delle civiche amministrazioni e per l’elezione dei parlamentari europei”.

Leggi anche

Vendola-Pd: prove tecniche di litigio

Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %