testata_web_pdo_5celeste.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

L’ondivago Surico ritorna in Forza Italia

 

Ve lo ricordate?

Gianmarco Surico, ex Forza Italia, ex Puglia Prima di Tutto, ultimo degli eletti del Pdl alle ultime regionali, un passato da socialista, tra la sorpresa di molti aderisce a Fli quando Fini lasciò il Pdl.

A destra nessuno lo conosce, lo stima e considera se non perché è il medico personale di Francesco Divella, all’epoca Coordinatore regionale di Fli in Puglia.

Per la verità anche quando era consigliere regionale di Fli in Regione Puglia, fuori al suo ufficio, esponeva sempre la targa di Forza Italia da cui proveniva. Oggi vi è ritornato dopo tanto girovagare. Preveggenza? Lungimiranza?

In Fli prova di tutto per farsi accettare dagli ex An che hanno coraggiosamente seguito Fini.

In ogni occasione cita Almirante, Pinuccio Tatarella, Mastrangelo tra lo stupore dei presenti. Si era convertito a posteriori al Msi e alla destra?

Nulla di tutto questo, sperava solo di essere eletto deputato al posto di Divella.

Grazie a lui Fli, in terra di Bari, inizia a franare. Risultati deludenti, personaggi discutibili nella sua città che aderiscono a Fli imbarazzano tutti.

E’ il promotore dell’ingresso di Fli nella giunta Emiliano al Comune di Bari. Salvatore Tatarella, per fortuna, si oppone a questo innaturale spostamento a sinistra di FLI, interpretato a livello nazionale da Benedetto Della Vedova di cui Surico diventa referente in Puglia.

Divella è in difficoltà, la sua storia è a destra, ma Surico inizia a creare problemi e diventa il cattivo consigliere del buon Francesco.

Quando Fini decide di non inserirlo capolista in Puglia ha una reazione uterina, impazzisce, chiama tutti i giornali per spargere falsità e fango su Fini. Tutti lo capiscono e lo commiserano. Fini fece la scelta giusta in quella occasione.

Esce da Fli costringendo Divella e altri ad abbandonare la barca solo per continuare a sabotare  Fini. Lui che non era di destra. Si vantava che con lui Fli avesse conseguito risultati importanti. Nulla di più falso; Fli otteneva discreti risulta in realtà in cui non contava niente.

Quando Divella vara l’associazione Puglia Protagonista chiarisce di essere di destra, mentre Surico, nel suo intervento, asseriva di non disprezzare intese con Vendola. Prima vota a favore sul bilancio poi vara un gruppo in Regione con altri due transfughi del Pdl (Di Gioia e Damone) per sostenere il Governatore Rosso.

Fingeva di essere di destra, ma aspirava a un seggio parlamentare e ambiva a stare in maggioranza al Comune e alla Regione. A sinistra. Dopo Della Vedova, che ha distrutto tutti i partiti in cui ha militato, Surico si conferma il suo clone pugliese.

Dopo Forza Italia, Fli, Puglia Protagonista, Gruppo Misto pro Vendola, un mese fa passa entusiasta nel Nuovo Centro Destra di Alfano.

Intuisce subito che non c’è spazio per essere rieletto in Regione e oggi decide di tornare a Forza Italia. Con il consueto comunicato in cui sparla del partito appena abbandonato, e sottolinea la "sua storia".

In Consiglio regionale la sua presenza si è fatta notare solo per i tanti cambi di casacca.

Scritto da Fabrizio Tatarella
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %