testata_web_pdo_5celeste.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

200 assunzioni in Regione. Un concorso col trucco o no?

Si allarga il fronte del dubbio relativo al bando di concorso promosso dalla Regione Puglia per l'assunzione di 200 laureati in posti dirigenziali. Tanto per cominciare sulla copertura economica dell'assunzione. Eventuale. In effetti non si parla di bando per assunzione, ma piùcorrettamente si deve sottolineare che si tratta di un concorso destinato a formare una graduatoria da cui, eventualmente e non obbligatoriamente, procedere con le assunzioni.

Non c'è, infatti, una copertura finanziaria e non ci sono dettagli a proposito dall'assessore al ramo Caroli.

E poi, perchè la marca da bollo? In Italia è stata abolita, ma la Regione Puglia la richiede ugualmente per la domanda di partecipazione al concorso.

Ma un altro punto di perplessità è il metodo di assegnazione dei punteggi. A spiegare meglio le perplessità saranno, nella mattinata di domani, i consiglieri di Realtà Italia Tommy Attanasio ed Antonio Buccoliero. Ma sul tema è intervenuto oggi anche il capogruppo di Forza Italia Ignazio Zullo, con una nota che da un lato rimarca le perplessità anche della maggioranza in Regione, e dall'altro chiarisce i punti più controversi.

"Avevamo tanto atteso - dice Zullo - che il buon Segretario del PD Emiliano battesse un colpo quando veniva chiamato in causa dal Presidente Maniglio sui dubbi che pubblicamente manifestava a proposito del concorso per i 200 posti per laureati alla Regione etichettato dallo stesso Maniglio come un concorso  con il trucco".

"L’Assessore Caroli in Commissione - sottolinea Zullo - non solo non ha chiarito questi dubbi ma li ha consolidati e potenziati alimentando in noi la piena convinzione che la procedura adottata vada rivista prima di tutto nella compatibilità con i limiti di spesa imposti dalle vigenti leggi finanziarie in materia di assunzioni di personale sul cui calcolo e sulla cui capacità, per stessa ammissione dell’assessore Caroli, la Giunta brancola nel buio più totale".

"Porre il partecipante - spiega nel merito Zullo - che ha lavorato per almeno un anno alle dipendenze della Regione Puglia di fronte alla scelta di evitare la partecipazione alle prove pre-selettive rinunciando volontariamente alla valutazione dei titoli di servizi fino ad un massimo di 12 punti è disparitario per i concorrenti perché non li pone tutti sullo stesso punto di partenza poiché chi ha da farsi valutare un anno rinuncerebbe prontamente alla valutazione dei titoli perché gli darebbe al massimo 2 punti ma chi ha svolto più anni di servizio perderebbe fino a 12 punti e crediamo questo sia incostituzionale così come incostituzionale è la previsione di attribuzione di un punteggio differenziato a seconda che il servizio sia stato espletato alle dipendenze della Regione Puglia o di altra P.A. compresa altra Regione".

Il dato però più eclatante ed inaccettabile, però, per Zullo, la mancanza di cognizioni di causa sulle effettive possibilità di assunzione dopo che i concorrenti saranno stati dichiarati vincitori.

"Non sapere a priori se ci sarà possibilità di assunzione e alimentare in fare pre-elettorale per le europee la speranza di tanti giovani che come un esercito sta partecipando al concorso pagando la gabella di 20 euro introdotta dal Presidente Vendola - quando ormai in Italia era stata abolita la marca da bollo per la partecipazione ai concorsi - è immorale ed è nello stile di una sinistra pronta ad illudere pur di acquisire consenso elettorale".

Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %