testata_web_pdo_5arancione.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Cooperative di Comunità: in Regione passa la legge del Pd

Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità la proposta di legge che disciplina le “Cooperative di Comunità”, presentata dal Gruppo regionale del Pd.

Si tratta di una proposta che è frutto di un lavoro svolto in sintonia tra la politica e la Lega delle Cooperative e che nasce dalla necessità di concepire uno strumento operativo che sappia intercettare meglio i bisogni dei cittadini e dare una risposta efficiente, utilizzando modelli innovativi a sostegno dello sviluppo economico, della coesione e della solidarietà sociale volte a rafforzare il sistema produttivo integrato e alla creazione di offerta di lavoro.

L’importanza del progetto di legge risiede nel modo in cui le Cooperative di  Comunità riconoscono la centralità del capitale umano, dando la possibilità di impostare modelli organizzativi e gestionali che favoriscano la partecipazione di tutti i soci-cittadini attivi.

Secondo quanto prevede la proposta di legge, la Cooperativa di Comunità può porre in essere tutte le attività che rispondono ai bisogni che la comunità reputa prioritari, e in particolare, quelli che non si riescono a garantire diversamente.

Gli obiettivi da perseguire possono essere: la valorizzazione turistica, il recupero dei beni ambientali e monumentali, il recupero delle produzioni tradizionali (agricole, pastorali, artigianali), il recupero delle tradizioni culturali, il miglioramento dell’arredo e dell’igiene dei luoghi comuni e la fornitura di servizi in supporto delle fasce deboli della popolazione.

In virtù di tali scopi la Cooperativa può attivare la produzione di beni e servizi i quali, forniti in forma continuativa, possano incidere su elementi portanti della qualità della vita sociale ed economica.

In particolare la Cooperativa può svolgere le seguenti attività: servizi socio-sanitari, servizi scolastici, servizi commerciali (bar, negozi, carburanti), servizi di comunicazione (posta, telefonia), servizi ambientali, piccole manutenzioni, animazione culturale.  

Sono riconosciute “Cooperative di Comunità” le società cooperative costituite ai sensi dell’articolo 2311 del codice civile, che valorizzando le competenze della popolazione residente, delle tradizioni culturali e delle risorse territoriali perseguono lo scopo di soddisfare i bisogni della comunità locale. La "Cooperativa di Comunità" deve avere un numero di soci che, rispetto al totale della popolazione residente, deve rappresentare il 10% per i comuni fino a duemila e cinquecento abitanti, il 7% nei comuni fino a cinquemila abitanti ed il 3% laddove la popolazione supera la soglia dei cinquemila.

"Con l’approvazione unanime del Consiglio regionale della legge del Gruppo Pd per la nascita delle Cooperative di comunità, la nostra regione conferma che alla crisi si reagisce affrontandola di petto: infatti, grazie a questa legge, in ogni angolo della Puglia potremo instaurare una vera reazione a catena che ci consentirà di rispondere alle esigenze dei territori creando al tempo stesso occupazione".

"La cooperazione, a nostro avviso, - si legge in un comunicato del gruppo regionale Pd - è un fondamentale antidoto alla crisi economica che sta mettendo in discussione, in molti territori, anche l'offerta di servizi fondamentali al cittadino. Con le cooperative di comunità, invece, saranno gli stessi cittadini, secondo modelli organizzativi e gestionali che favoriscono la partecipazione, a mettere in campo tutte le attività che rispondono ai loro bisogni. Dalla valorizzazione turistica al recupero dei beni ambientali e monumentali, dalle produzioni tradizionali ai servizi in supporto delle fasce deboli della popolazione, le Cooperative di comunità mettono i cittadini in condizione di rispondere autonomamente alle proprie esigenze. La Regione, attraverso finanziamenti agevolati, contributi in fondo capitale e in conto occupazione, interverrà a sostegno delle cooperative affinché queste non trovino alcun ostacolo economico. Tante persone, giovani e meno giovani che in Puglia non hanno ancora un lavoro o hanno perso quello che avevano, potranno guardare al futuro con più fiducia e intraprendenza".

Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %