testaa_web_pdo_5blu.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Assessore Gentile, batta un colpo!

Tra elezioni, tagli di nastri, presentazioni, eventi collaterali e riunioni di partito, l'unica cosa che in questi due mesi Elena Gentile ha dimenticato di fare è proprio l'Assessore.

E naturalmente, mentre da tempo anche dalle colonne di questo giornale avevamo sollecitato, raccogliendo peraltro la sollecitazione di parte dell'opposizione in consiglio regionale, di dimissioni non se ne parla nemmeno per sbaglio. Nemmeno ora che, con entrambi i piedi sull'aereo che porta a Bruxelles, sarebbe opportuno, oltre che indispensabile, passare la mano e permettere a Nichi Vendola, che dal canto suo non fa nulla per risolvere la questione, di ripristinare la normalità ed insediare sulla scomoda poltrona del responsabile della sanità pugliese qualcuno che possa farlo a tempo pieno.

A quando le dimissioni? La tireremo per le lunghe perchè prima devono arrivare proclamazione, invito ufficiale e tempo di riflessione per l'opzione? Suvvia, assessore... siamo seri!

“Tra elezioni, poltrone e politica, la Gentile ha dimenticato, ancora una volta, di fare l’assessore”.

Non solo per mera presenza negli uffici regionali, ma anche per (volontariamente o meno che sia poco importa) il costante oblio che le questioni della sanità pugliese hanno nella scala di interessi della quasi ex assessora al ramo.

Così il vice presidente del Consiglio Regionale della Puglia, Nicola Marmo. “Il 2 aprile scorso  - prosegue - l’assise regionale ha approvato l’ordine del giorno con cui impegnava la Gentile, entro sessanta giorni, a fornire l’elenco preciso delle strutture sanitarie interessate dalle autorizzazioni al funzionamento. Di questo elenco, naturalmente, non ne abbiamo visto neanche l’ombra e ciò non ci sorprende. Tra la campagna elettorale per le europee, le amministrative e tutto il resto, sia l’assessore che l’intera Giunta si sono distratti dai loro impegni istituzionali. Ma noi, così come i pugliesi, ci siamo abituati alla loro sciatteria. Nessuno tiene più le redini della nostra Regione, abbandonata a se stessa e declinata a mero trampolino di lancio per le ambizioni personali della sinistra. Adesso dobbiamo attendere l’ennesimo giro di poltrone nell’esecutivo pugliese, che certamente non costituisce un passaggio positivo per l’amministrazione della cosa pubblica senza alcuna continuità. Chi sostituirà l’attuale delegata alla Sanità - conclude Marmo - avrà una mission quasi impossibile: concludere questa legislatura, infausta per i cittadini, in senso contrario a quello attuale della decadenza targata Nichi Vendola”.

Scritto da Roberto Mastrangelo
Newsletter



Invest
IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %