testaa_web_pdo_5blu.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Puglia: verso la regolamentazione della cannabis terapeutica

Si avvicina il momento decisivo per l'approvazione della legge regionale sulla disciplina della sperimentazione della coltivazione di cannabis nella nostra regione. Pareri positivi dopo l'approvazione del testo in Commissione Sanità, sono stati espressi in maniera bipartisan. Così commenta Sergio Blasi (Pd).

“Con questa legge - sottolinea il capogruppo del Pd in Consiglio regionale - andiamo incontro alle persone che soffrono dando loro la possibilità di usufruire più facilmente di cure palliative. L’obiettivo è fare in modo che anche qui come nei paesi del Nord Europa, la cannabis possa essere prodotta e venduta per fini terapeutici. Perché grazie alla produzione in loco il prezzo del medicinale per il sistema sanitario scenderà di dieci volte.

"Personalmente sono soddisfatto perché la Puglia ha bisogno di essere all'avanguardia soprattutto nel campo della sanità e della ricerca medica, per venire incontro ai bisogni di una popolazione che più di altre ha sofferto la transizione da un modello ospedalocentrico a un nuovo modello nel quale viene potenziata l’assistenza domiciliare e le migliori possibilità di curarsi secondo bisogni individuali di ogni paziente. Per questo sono sicuro che il Consiglio regionale darà pronta approvazione a questa legge". 

Secondo quanto disposto dall'articolato che ora passerà all'esame dell'aula consiliare, la Regione Puglia potrà avviare progetti pilota di coltivazione della cannabis individuando interlocutori in possesso delle autorizzazioni di legge e, in particolare, l'autorizzazione  alla produzione da parte della Agenzia italiana del Farmaco, prevista dal combinato disposto degli artt. 50 e 54, comma 2, del decreto legislativo 219/2006. La finalità è andare incontro agli interessi degli utenti grazie a un regime semplificato di produzione e somministrazione della cannabis terapeutica e alle esigenze della Regione Puglia che oggi, per l’importazione dall’Olanda e la commercializzazione da parte di rifornitore unico, sopporta un onere tra i 15 e i 20 euro/grammo contro un costo di produzione in loco che è stimabile in 1,55 euro/grammo.

"La proposta di legge - commenta Blasi - consente di attivare un percorso virtuoso pienamente coerente con le politiche della Regione Puglia, tra le prime in Italia a sperimentare la somministrazione controllata, attraverso le strutture sanitarie, della cannabis a fini terapeutici, messa a regime, in particolare in tutte le farmacie ospedaliere della ASL Lecce. Contestualmente la presente legge introduce la possibilità di centralizzare gli acquisti di cannabis terapeutica consentendo la realizzazione di economie di scala".

Ma sulla stessa falsariga è anche il commento del consigliere di Forza Italia Maurizio Friolo. "Una conquista per tanti malati che soffrono e che potranno usufruire di alternative che nel nord Europa in particolare si sono rivelate particolarmente preziose. E anche in questo caso, con un significativo risparmio per le casse regionali, e quindi per l’intera comunità. Dando continuità a impegni dichiarati da tempo, e con la possibilità di lasciare un’impronta anche per gli anni e le generazioni a venire”.

Scritto da Redazione
Newsletter



Invest
IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %