testata_web_pdo_5verde.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Sanità - A Foggia non si possono scegliere i medici di famiglia

Incarichi di assistenza primaria, in altre parole medici di base e di famiglia. Quelli che più di tutti gli altri sono chiamati, per professione e per missione, a creare un rapporto a doppio filo continuativo con ogni singolo cittadino. A Foggia, però, non sempre è possibile, perchè i ritardi si accumulano ai ritardi e, in fondo, sembra che alla Regione Puglia a ben pochi possa interessare questo problema che si trascina ormai da anni.

Ancora una volta sono i cittadini di Foggia ad essere i penalizzati. Perchè da mesi, da troppi mesi, non possono scegliere il proprio medico di famiglia perchè non ci sono le liste e le assegnazioni. Mancanza di personale? No. Questa volta mera burocrazia e lotta di "potere" tra la Asl e la Regione Puglia.

Piena solidarietà, dunque, ai foggiani che attendono, oramai da anni, inutilmente di poter scegliere il proprio medico di fiducia. Dopo un lungo periodo determinato da pastoie burocratiche che hanno bloccato la pubblicazione delle zone carenti per l’individuazione dei medici da inserire nel sistema, oggi la ASL di Foggia, per meri problemi interpretativi, blocca l’attribuzione degli incarichi ai medici aventi diritto, ancora una volta per motivazioni burocratiche legate ad una interpretazione della norma.

La Regione Puglia, interpellata sull’argomento, ha risposto alla ASL di Foggia indicando la soluzione del problema. Soluzione, però, non condivisa dai dirigenti della ASL foggiana e pertanto non applicata. La conseguenza è che migliaia di cittadini non possono esercitare il diritto alla scelta del proprio medico in quanto la ASL Foggia blocca impropriamente l’attribuzione degli incarichi ai medici avente diritto.

 “Il diritto al lavoro dei medici e il diritto dei cittadini all’assistenza non possono essere ostacolati da questioni tecnico-burocratiche. L’Azienda ha l’obbligo di adottare gli atti”, ha dichiarato Filippo Anelli, Segretario Generale Regionale della FIMMG Puglia.

La situazione degli incarichi di assistenza primaria nella Regione Puglia si era finalmente sbloccata dopo alcuni anni di stasi e non è tollerabile accumulare ulteriore ritardo.

“Condivido le preoccupazioni della FIMMG di Foggia espresse dal suo Segretario Provinciale Salvatore Onorati, in quanto si impedisce ai cittadini di esercitare il loro diritto alla libera scelta e ai medici di stabilire un rapporto di fiducia che li lega al cittadino”, ha concluso il dott. Anelli.

La FIMMG (Federazione Nazionale Medici di Famiglia) chiederà ufficialmente all’Assessore regionale alla Sanità Ettore Attolini, come si legge nella nota diffusa alla stampa "un intervento diretto a sbloccare tale situazione nel corso del Comitato Permanente Regionale della Medicina Generale che si riunirà oggi presso l’Assessorato alle Politiche della Salute della Regione Puglia in Bari".

Si sbloccherà questa assurda ed incresciosa situazione? O i foggiani ancora una volta, per l'ennesima volta, devono essere considerati cittadini di serie B, a cui i diritti vanno erogati col contagocce, e magari per favore?

Scritto da Roberto Mastrangelo
Newsletter



Invest
IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %