testata_web_pdo_5celeste.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Puglia Mafiosa? Palese non ci sta

“150mila euro. Tanto hanno speso inconsapevolmente i cittadini pugliesi per vedere l’immagine di una Puglia ‘mafiosa’ in prima serata e per sei serate su Raiuno nella fiction ‘Tutta la musica del cuore’ ambientata a Monopoli, anche se nel film il Comune si chiama Montorso forse proprio per evitare querele, cofinanziata da Apulia Film Commission, quindi dalla Regione Puglia, nel 2010 e in onda da ieri in prima serata su Raiuno. Con tutto il rispetto per gli autori della fiction e per la libertà di pensiero e di espressione,  respingiamo al mittente l’etichetta di una ‘Puglia mafiosa’ e riteniamo a dir poco vergognoso che la Regione abbia speso soldi dei cittadini per un megaspot bugiardo che certo non contribuirà ad attrarre turismo, a migliorare l’immagine della Puglia, a sostenere la nostra economia”.

Il capogruppo del Pdl alla Regione Puglia Rocco Palese, attacca il Presidente Vendola, aggiungendo: “Non c’è nulla di logico in questo ‘investimento’ che Apulia Film Commission ha inteso fare nel 2010 cofinanziando questa produzione (che all’epoca aveva come titolo “Una musica silenziosa) con 150mila euro, il finanziamento più alto in assoluto concesso da APC nel 2010. In tutte le scene e i dialoghi della fiction si dice che ci si trova in Puglia e si riconosce chiaramente la Città di Monopoli, oltre che scorci Conversano, Alberobello e Mola, anche se i nomi sono stati cambiati. Si fa continuo riferimento ad un territorio mafioso e al fatto che la scuola è una trincea contro il reclutamento dei giovani da parte della mafia. Si dà una immagine della Puglia assolutamente negativa e completamente falsa. Peraltro – aggiunge Palese -  l’aver cambiato nome ai luoghi, non solo non è servito a nulla perché su tutti i giornali anche nazionali si dice che la fiction è ambientata a Monopoli e in Puglia, ma è addirittura un doppio paradosso: la Puglia intera appare come Terra di mafia e se, assurdamente, il ritorno dell’investimento di APC voleva essere quello di convogliare turisti nei territori in cui il film è girato, di grazia come possono arrivare turisti in un Comune che non esiste? Ma c’è anche di più: scorrendo la graduatoria 2010 (prima sessione) di Apulia Film Commission, si scopre che questa fiction ha ottenuto il massimo punteggio proprio per l’impatto sul territorio. L’impatto in effetti è alto, ma altamente devastante! Si infangano una intera comunità, quella di Monopoli, e tutta la Puglia. Ma qualcuno di APC legge i copioni prima di concedere i finanziamenti? E, se si, in base a che cosa si è ritenuto di investire soldi dei cittadini per dare l’immagine di una Puglia mafiosa in prima serata (e per ben sei puntate, quindi almeno 3 settimane) su Raiuno? Che ne dice il Presidente Vendola? E’ contento che ieri sera oltre 5 milioni di italiani abbiano avuto questa immagine della Puglia e, in parte, pure a spese della Regione?”.

Aggiungiamo noi che la Fiction è davvero brutta, non solo perchè si parla del conservatorio di Monopoli (e magari a quello di Bari certe cose si attaglierebbero di più), ma perchè ormai l'Apulia film Commission è completamente vocata a ufficio elettorale del Presidente e macchina da curricula per quei poveracci che ci lavorano.

Scritto da Fortunata Dell'Orzo
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %