testata_web_pdo_5verde.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Regione Puglia

Alenia: assunzioni in Romania con i soldi dei pugliesi?

La Alenia assumerebbe personale proveniente dalla Romania per sopperire alle sue esigenze sul nostro territorio, nonostante la grave crisi in atto in Puglia e gli ingenti investimenti che la Regione ha posto in essere per sostenere gli sforzi della azienda e non permettere tagli agli stabilimenti pugliesi, quello di Grottaglie in maniera particolare?

Se lo chiede il consigliere regionale Maurizio Friolo.

“Una vicenda che, se confermata, rappresenterebbe l’ennesima messa in scena del teatro dell’assurdo che è diventata la Puglia vendoliana. Da una parte, ingenti investimenti mirati al consolidamento e alla piena produttività dello stabilimento della Alenia Aermacchi, società del gruppo Finmeccanica, sorto a Monteiasi-Grottaglie (Taranto). Dall’altra, la stessa Alenia che per soddisfare i tempi di consegna e le produzioni delle fusoliere in fibre di carbonio imposte dal rinnovato contratto con la Boeing, ricorrerebbe –il condizionale è d’obbligo, vista la mancanza di trasparenza e comunicazioni ufficiali da parte dei vertici aziendali- all’assunzione di circa cento nuove unità lavorative provenienti addirittura dalla Romania, come se il territorio circostante non presentasse un tasso drammatico di disoccupazione, e come se la Regione non destinasse cospicue risorse alla formazione professionale”.

Maurizio Friolo, consigliere regionale e vicepresidente della III Commissione Sanità, ha presentato questa mattina un’interrogazione a risposta scritta al presidente del Consiglio regionale Introna, della Giunta Vendola,  agli assessori al Lavoro Caroli e allo Sviluppo e Attività produttive Capone,  per chiedere“se intendono spiegare a un’opinione pubblica sempre più sconcertata quanto sta accadendo all’interno dello stabilimento Alenia Aermacchi di Monteiasi-Grottaglie”. Alla luce del l’assordante silenzio ufficiale su una vicenda filtrata su alcuni organi di informazione e mai smentita, il consigliere chiede quindi ai diretti interessati “se sono a conoscenza delle assunzioni operate, e se risponde al vero che le nuove unità lavorative sono provenienti dalla Romania; e delle ragioni per cui, nonostante l’elevato numero di disoccupati in Puglia, l’azienda abbia preferito ricorrere a personale proveniente dall’estero”.

Ancora,  “se sono in contatto con i vertici dell’Alenia Aermacchi, per conoscere le loro politiche inerenti la formazione e la gestione del personale, e per eventualmente indirizzare la formazione professionale di nuovo personale in base alle esigenze mirate dell’azienda”. E  “se intendono richiedere e sollecitare piena e totale trasparenza da parte dell’Alenia Aermacchi nelle modalità di reclutamento, assunzione e formazione di nuovo personale”. Infine, “se e quali interventi presso Alenia Aermacchi intendono attuare a tutela e garanzia dei giovani pugliesi alla ricerca di un lavoro qualificato e di un’opportunità concreta”. Giovani che sono i principali destinatari di una risposta che appare doverosa.

 

Lettera 22: Premiati i 50 migliori Tweet 'Comunica140'

Con  la consegna degli attestati di competenza, si è conclusa la seconda edizione del laboratorio didattico di giornalismo “Lettera 22” e del relativo concorso “Comunica140” organizzato dal Servizio Biblioteca e Comunicazione Istituzionale del Consiglio Regionale della Puglia,  rivolto ai ragazzi delle ultime classi delle scuole superiori e fortemente sostenuto dal presidente del Consiglio regionale.

All’evento, che ha avuto come partner istituzionali l’Usr, il Corecom e l’Ordine dei Giornalisti, hanno partecipato 862 studenti che guidati da Giulia Murolo del Servizio Comunicazione Istituzionale del CR Puglia, nel corso 12 incontri hanno avuto la possibilità di avvicinarsi al mondo della comunicazione istituzionale, del giornalismo, degli uffici stampa e dei social media. Daniela Daloiso, si è soffermata sulla validità dell’iniziativa che, collegata con l’altro progetto “I Quotidiani della Tua Puglia in classe” intende offrire una valida occasione per la conoscenza della propria identità regionale, mentre Arcangelo Tedone responsabile della Comunicazione Istituzionale del Cr Puglia, ha sottolineato l’importanza di diffondere gli elementi base della comunicazione  e del giornalismo per costruire sin dalle scuole superiori i presupposti di un buon comunicatore.

Felice Blasi presidente Corecom Puglia e Piero Ricci vicepresidente dell’Ordine dei Giornalisti hanno evidenziato la validità dei mezzi di comunicazione e di informazione, invitando i giovani ad un loro corretto uso ma soprattutto a una approfondimento della conoscenza, attraverso lo studio e il metodo che deve andare al di là dell’uso dei tablet, a volte improprio. Alla conclusione degli interventi, sono stati premiati i migliori Tweet e rilasciato un attestato di ringraziamento ai docenti.

I Vincitori: Pavone Vincenzo, Difino Caterina, Ingravallo Isabella, Menga Andrea, Micunco Gianluca, Berlen Francesco Paolo, Di Fonzo Michele, Brunetti Alessia, Fumarola Leonardo, Lacirignola Luciano, Marino Gaetano,  Matichecchia Rachele, Di Giglio Raffaele, D'Orazio Fabio, Spaccavento Carolina , De Pinto Roberto, Gadaleta Miriana, Rafanelli Giuseppe, De Palma Fiodor, Carolillo Davide, Mileti Cristiana, Patroni Griffi Luisanna, Balducci Valerio, Inchingolo Michela Pia, Agatino Francesco Vincenzo,  Arno Cosimo, Saracino Rosanna, Bucci Savino, Dentico Roberto, Mininni Andrea,  Ruggiero Antonio, Lorusso Valerio,  Giglione Stefania, Gianeselli Irene, Antonacci Teresa, Larovere Pier Girolamo,  Losito Caterina, Ventriglia Gianmarco,  Gabriele Giorgia, Fasano Domenico, Cioce Giuseppe, Locorotondo Giacomo, Tinelli Elisabetta, Matarrese Stefano, Rotolo Enrico, Sgobba Florinda, Saraci Giulia, Ignazzi Erica.

Xylella: sicuri che siamo al sicuro?

Xylella: sulla malattia degli oliveti prosegue a distanza una polemica tutta interna alla Regione Puglia. Da un lato l'accusa è di inerzia, dall'altro lato si rinfaccia che è tutto sotto controllo. Non più di qualche giorno fa Gabriele Papa Pagliardini, Direttore di Area delle Politiche per lo Sviluppo Rurale della Regione Puglia, aveva stemperato gli animi e repsinto le accuse nei confronti della Regione. Tutto sotto controllo, a parte qualche problema di fraintendimento con gli uffici in merito alla consegna o meno di 2.000 campioni di ulivo infetto al laboratorio universitario di Foggia del prof.Frisullo, un luminare riconosciuto a livello nazionale sul tema.

 Ma il consigliere regionale di Forza Italia Luigi Mazzei non ci sta e rincara la dose: "poveri agricoltori salentini! Poveri olivicoltori! Poveri florovivaisti! Non bastasse già a creare loro tanti problemi il batterio mortifero della Xylella, si trovano a dover aver a che fare con l’immobilismo della Regione Puglia che, mai come in questo caso, ha dato dimostrazione della sua incompetenza".

"Ma che fine ha fatto - sottolinea Mazzei - la tanto sbandierata task force? Ci viene il dubbio che sia stato solo il solito spot che non ha trovato seguito nei fatti. Tutto a danno di chi opera nel settore e si trova non solo nell’impossibilità di avere qualsiasi tipo di giusto ristoro, ma subisce il diktat di stare fermo in attesa di decisioni che provengono dalla Giunta di Via Capruzzi, mentre tutti si accorgono che lì si brancola nel buio".

"In questi giorni abbiamo appreso che ancora si cincischia e si tergiversa sui campioni di ulivo infetto da far analizzare. Ancora oggi non sappiamo con esattezza se è vero o non è vero che 2.000 campioni siano stati mandati nel laboratorio universitario di Foggia del prof. Frisullo: c’è chi conferma, c’è chi smentisce, evidentemente in Assessorato la mano destra non sa quello che fa la sinistra. Figurarsi se gli olivicoltori salentini possono dormire sonni tranquilli".

"Possibile che la Regione nel Bilancio di Previsione 2014, pur essendo perfettamente a conoscenza del problema Xylella, abbia accantonato cifre ridicole per far fronte ad un problema che sta mettendo in ginocchio intere imprese agricole?

Pertanto, chiedo formalmente all’Assessore Nardoni di dichiarare pubblicamente che oltre a quanto sta avvenendo nel settore dell’olivicoltura e del florovivaismo, non si abbiano gli stessi gravi problemi per il comparto orticolo".

Canne della Battaglia: stiamo per perdere l'ennesima occasione

Il tempo passa, ma nulla cambia a Canne della Battaglia, ed aumentano pericolosamente i pericoli di perdere i fondi, peraltro già stanziati, per gli interventi sul complesso storico a pochi passi da Barletta.

Solo pochi mesi fa, il bando regionale, che prevedeva la possibilità per gli Enti di partecipare con progetti che avessero il fine di valorizzare il sito di Canne della Battaglia con progetti di recupero e gestione dei servizi turistici annessi e connessi al sito di Canne della Battaglia. Ma notizie ancora non ce ne sono. Peraltro il rischio è concreto: in ballo ci sono 400 mila euro, ai quali se ne aggiungono altri 100 mila stanziati e ancora inutilizzati.

L’obiettivo sarebbe stato (ed è ancora per molti versi), invece, quello di rilevare la straordinarietà del luogo e della storia che rappresenta, ma anche la sua fruibilità a scopi turistico-culturali, così come ha affermato il consigliere regionale del Pd, Ruggiero Mennea; “mi fa specie – ha sottolineato Mennea - che l'ennesima occasione stia per essere perduta, vanificando tutti gli sforzi che ho compiuto per arrivare all'obiettivo di ottenere una legge regionale di tutela e valorizzazione della Battaglia di Canne, che nelle intenzioni avrebbe dovuto far diventare un fiore all'occhiello quello straordinario patrimonio. Ora, non c'è più tempo da perdere e credo vada subito affrontato il problema della revisione del protocollo di intesa, ormai superato, tra il Comune di Barletta e il Mibac. Già troppe risorse abbiamo perso e il Sac (Servizi ambientali e culturali), a fronte di due milioni di dotazione, ha visto dissolvere gran parte di queste risorse a causa della inerzia e della inconcludenza della provincia di Barletta-Andria-Trani, che era soggetto capofila. Il mio appello ora è rivolto al sindaco di Barletta che non può ignorare questa grande e unica opportunità per la crescita culturale, ambientale, storica e turistica della città.

Lettera 22, venerdì la cerimonia conclusiva

Si terrà venerdì  16 maggio, alle ore 10, presso l’Aula consiliare (via G. Capruzzi 204 – Bari), la cerimonia conclusiva dei laboratori permanenti di Giornalismo e              Comunicazione  “Lettera 22”, aventi come partners l’Ufficio Scolastico Regionale, l’Ordine dei Giornalisti Puglia e il Corecom Puglia.

Interverranno Onofrio Introna, Presidente Consiglio Regionale della Puglia, Daniela Daloiso, Dirigente Servizio Biblioteca e Comunicazione Istituzionale del Consiglio Regionale della Puglia, Felice Blasi, Presidente CORECOM Puglia, Angelo Tedone, P.O Comunicazione Istituzionale C.R, Valentino Losito, Presidente ODG Puglia, Anna Cammalleri, Dirigente Vicario USR Puglia e i   docenti di Lettera 22.

Seguirà la premiazione dei  50 migliori tweet realizzati nell’ambito del concorso “Comunica 140” dagli studenti delle scuole medie superiori che hanno partecipato ai vari laboratori.

Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %