testata_web_pdo_5verde.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Libera Puglia, Cobianchi è il Presidente Regionale

Si è svolta a Bari in una soleggiata domenica, la prima assemblea organizzativa di Libera Puglia, Associazione nata nel 1995, con l’intento di coordinare e sollecitare l’impegno della società civile contro tutte le fome di mafia che infestano il nostro paese. Nel corso dell'assemblea è stato approvato lo statuto regionale dell'associazione e si è proceduto con l'elezione delle cariche sociali. 

 Al termine di un'assemblea partecipata, che ha fatto registrare la presenza dei referenti di tutti i Coordinamenti provinciali di Libera in Puglia e della maggior parte dei presidi impegnati a livello regionale, dalla Capitanata al Salento, è stato eletto primo presidente di Libera Alessandro Cobianchi, con 83 voti favorevoli, un contrario e due astenuti. 

L'assise ha inoltre eletto, all'unanimità, il Consiglio Direttivo, che, a sua volta, eleggerà, in occasione della sua prima seduta, l'Ufficio di Presidenza che affiancherà Cobianchi. Il Direttivo è composto di 17 elementi, cui se ne aggiungeranno ulteriori 4, 2 dei quali in rappresentanza del territorio brindisino, su cui Libera ha intrapreso da poco il cammino di rinnovamento e i rimanenti in rappresentanza delle associazioni iscritte alla rete. 

Gli eletti sono, oltre al presidente: Mario Dabbicco, Attilio Chimienti, Angelo Chirico, Gloria Vicino, Daniela Marcone, Alessandro Tedesco, Piero Ferrante, Manuela Fortunato, Marisa Capone Elena Schirinzi, Anna Maria Bonifazi, Sasy Spinelli, Mimmo Di Gioia, Anna Addabbo, Alessandro Leo, Pietro Fragasso

L'Assemblea, che ha avuto luogo a pochi giorni dalla grande manifestazione nazionale organizzata per il prossimo 16 marzo a Firenze per celebrare la  XVIII Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie, è stata un momento importantissimo per fare il punto dell’attività condotta in questi anni da Libera sui territori e porre le basi per l’avvenire. In particolare, si è discusso dell’importanza della memoria, da narrarsi concretamente attraverso l’esempio dei familiari vittime delle mafia; della necessità di rivitalizzare i beni confiscati e sequestrati; e della spinta propulsiva che deve derivare dall’organizzazione interna, garantita da un rapporto costante tra i vari livelli. 

In tal senso, l’assemblea ha approvato due ordini del giorno che diverranno parte integrante dell'agire di Libera in Puglia. Il primo, con il quale il nuovo Coordinamento Regionale s'impegna con le Istituzioni della Regione Puglia affinché possa essere approvata una legge ad hoc per lo status di "familiare di vittima di mafia". Il secondo con il quale ci si impegna nella lotta contro la chiusura della Procura di Lucera (Foggia).

Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %