testata_web_pdo_5arancione.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Bari, in manette due consulenti tecnici del tribunale

 

Mazzette e perizie per gli incidenti stradali. Una pratica tanto illecita quanto deprecabile. Con l’accusa di concussione, questa mattina sono stati sottoposti agli arresti domiciliari il consulente tecnico di numerosi tribunali del distretto e della stessa Procura di Bari, esperto di infortunistica stradale Primo Scapellato ed il suo collaboratore e collega Giovanni Dell'Avvocato. L’ordinanza emessa dal GIP del Tribunale di Bari su richiesta della Procura, è stata eseguita dai Militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza.

Il reato riguarda la richiesta di "mazzette" fatte per redarre perizie tecniche a seguito di incidenti stradali per ottenere lauti risarcimenti dei danni.

Le indagini sono scaturite da una denuncia querela presentata da una persona coinvolta in un grave incidente stradale che, dopo aver ottenuto dal Giudice di Pace il riconoscimento di una provvisionale di 300 mila euro a titolo di risarcimento per i danni fisici riportati, si è visto richiedere una “mazzetta” di 20 mila euro da Dell'Avvocato, incaricato dal Tribunale di redigere la perizia tecnica necessaria a definire le responsabilità penali e l’entità dell’indennizzo spettanti al denunciante.

In un primo momento l’illecita richiesta di denaro, era stata “solo” di 5.000 mila euro a titolo di acconto sull’importo complessivo della tangente, affinché la relazione tecnica che questi avrebbe dovuto depositare nei giorni successivi non fosse redatta in termini sfavorevoli all’esponente.

Lesuccessive intercettazioni telefoniche e ambientali, immediatamente disposte dall’Autorità Giudiziaria e le relative indagini svolte dalla Guardia di Finanza, hanno consentito di acquisire in tempi brevi rilevanti elementi probatori in merito alle responsabilità  dei due arrestati.

Con la collaborazione del denunciante, l’appuntamento (programmato per la sera del 18 marzo scorso) per il pagamento della prima “mazzetta” di 5.000 mila euro, è stato ripreso dai finanzieri che hanno filmato il collaboratore dello Scapellato mentre ritirava la somma.  Subito dopo l’uomo veniva arrestato con l’accusa di concussione.

Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %