testaa_web_pdo_5rosso.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Torre Chianca, per fortuna che c'è l'acqua!

Parlare di ambiente, della ricerca delle soluzioni per ripristinare e valorizzare uno dei più bei paesaggi della regione, chiedere agli amministratori conto delle opere e dei progetti che si intendono realizzare. Per iniziativa di Meetup 5 Stelle per Lecce si torna a discutere di Torre Chianca, della sua situazione di degrado ambientale, e delle politiche da realizzare. Con un lungo intervento gli attivisti salentini del Movimento di Beppe Grillo lanciano un appello e pongono alcune domande all'Ammnistrazione Comunale e Provinciale di Lecce. Eccone il testo.

Lecce è una grande città alla quale non manca nulla: un suo quartiere potrebbe essere definito, in inverno, una piccola Venezia, con le strade trasformate in canali, ma nessuna gondola naviga placida su quelle onde; per " fortuna che c'è l'aqua" possiamo dirlo?

Per fortuna degli amministratori, perché l'acqua nasconde lo scempio alla vista dei cittadini, sotto la coltre liquida voragini da far impallidire per la profondità le cave di pietra che punteggiano il territorio salentino.

I cittadini di Torre Chianca, dove sono state scattate le immagini che seguono, vivono quotidianamente il disagio causato dall'indifferenza cronica e annosa delle amministrazioni comunali che si sono succedute nel tempo, che ritengono questo quartiere con le sue 3400 (8000 con Spiaggiabella) case, una gallina dalle uova d'oro, grazie prima all'ICI per le seconde case e, ora, ancor meglio grazie all'IMU, uova grosse e sostanziose se si pensa che molto è stato preso e quasi nulla è stato dato.

I segni dell'indifferenza dell'amministrazione sono presenti e diffusi : marciapiedi, che in altre zone della città sono realizzati a cura dell'amministrazione comunale, qui sono opera dei cittadini, con il pittoresco risultato che chiunque può osservare, la manutenzione delle strade è inesistente e le
stesse sono invase da erbacce, la rete idrica non è mai stata completata...il cahier de doleance è molto lungo tanto da aver spinto un comitato spontaneo di quartiere a presentare un esposto denuncia alla Procura di Lecce contro le inadempienze dell'amministrazione comunale.

Dal canto suo Telecom contribuisce a fare dei cittadini di questo quartiere persone di serie B, a Torre Chianca non è possibile avere l'ADSL, la rete telefonica non lo consente.

I cittadini di Torre Chianca dovranno decidere di seguire la strada di Casalabate? Dovranno chiedere che il quartiere passi al comune di Surbo? Se è così, gli amministratori lo dicano!

Non solo abbandono e degrado

Torre Chianca è l'emblema della miopia degli amministratori, insiste in un territorio del comune di Lecce, tra i più interessanti sul piano ambientale e naturalistico, con la vicinanza del Parco di Rauccio, riconosciuto sito d'interesse comunitario per la straordinaria varietà di habitat naturali.

Le masserie e gli olivi secolari che fanno loro da contorno sono una risorsa non adeguatamente valorizzata, perché a Torre Chianca , ci sono autentici eroi, coloro che animano l'economia di questo quartiere, i proprietari di agriturismi e i piccoli imprenditori del turismo, un turismo di qualità dolce e sostenibile.

Il consumo a km 0

Valorizzare le imprese agricole e i piccoli produttori presenti nella zona compresa tra Torre Rinalda e Frigole è un'opportunità trascurata, di cui l'amministrazione comunale è colpevole, qui si produce agroalimentare d'eccellenza e se solo i leccesi acquistassero i prodotti del loro comune per
l'equivalente di un solo euro al giorno avremmo un reddito per l'economia locale di 90.000 euro al giorno, moltiplicate per un anno! Quali vantaggi trascurati per inseguire modelli di sviluppo superati!

Torre Chianca ci può aiutare a recuperare in parte la sovranità alimentare perduta.

Il Mare

Il mare a Torre Chianca è bellissimo, come le dune costiere e le lunghe spiagge, ma questa risorsa è sfruttata in modo sbagliato e dannoso, è stata la prima causa dei guasti del quartiere, sorto spontaneamente e abusivamente tra gli anni 60 e 70, senza adeguate strutture d'urbanizzazione. Un
abitato brutto e caotico, composto da edifici poveri e spontanei.

Lo stress a cui sono sottoposte le spiagge in estate, con le dune non adeguatamente protette contribuiscono al degrado.

Occorre ripensare la fruizione di spiagge ed ecosistemi delicati, invertendo la rotta in favore di atteggiamenti più rispettosi di un turismo dolce e sostenibile, che consenta anche alle future generazioni di godere dell'incanto delle spiagge e dei sistemi naturali di Torre Chianca, oggi pesantemente minacciati dall'incuria delle amministrazioni e dai comportamenti dei cittadini.

Invitiamo il Comune di Lecce a rispondere ai seguenti quesiti:

1) cosa intende fare da ora in poi per i quartieri Torre Chianca, Torre Rinalda, Spiaggiabella, specialmente in merito alla situazione del degrado e del decoro di vie e strade?

2) Come intende risolvere il problema degli allagamenti frequenti delle strade nei giorni di pioggia?;

3) Se ha un piano per il sostegno delle attività economiche della zona?;

4) Se intende sostenere i cittadini nella richiesta di strutture adeguate allo sviluppo economico della zona, di riflesso del territorio comunale tutto, completamento della rete idrica, fognaria, superamento del digital divide e realizzare quanto di propria competenza?;

Invitiamo la Provincia di Lecce a realizzare gli interventi straordinari e ordinari atti a garantire la sicurezza di persone e mezzi transitanti nelle strade amministrate dalla Stessa: falciamento dell'erba ai bordi delle strade, taglio di rami e ridimensionamento di alberi pendenti sulle strade, che non sono olivi secolari ma altre specie arboree come eucalipti. Chiediamo cosa s'intende fare per l'evidente degrado delle provinciali che collegano Torre
Chianca con Lecce, San Cataldo e Casalabate, a tratti dissestate e con numerose buche?

Come s'intende alleviare il disagio provocato dalla chiusura della Lecce-Torre Chianca per i lavori di ammodernamento della stessa e conseguente deviazione su altra strada, mai messa in sicurezza, stretta e resa pericolosa dall'erba alta che cresce ai bordi e che limita la visibilità degli automobilisti?

Scritto da Redazione
Newsletter



Invest
IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %