testata_web_pdo_5celeste.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Eataly: Presidente Lombardo Pijola, ci sei o ci fai?

Forse il Presidente di Eataly pensava di cancellare le ombre sul suo business in corso alla Fiera.

Ma le sue dichiarazioni, anzichè diradare le nubi,  fanno presagire tempesta. Basterebbe farsi una passeggiata davanti all'ingresso monumentale della Fiera -su cui  rammentiamo  c'è un forte vincolo architettonico- per gridare allo scandalo.

Le foto allegate sono la testimonianza più vera di quanto accade nel silenzio della Soprintendenza - delle associalzioni ambientaliste, di tutela del paesaggio e del territorio, e parte della stampa locale-che in passato non ha consentito di appoggiare neanche le le pubblicità amovibili sul marciapiede.

Ma Eataly non solo sino a 48 ore fa aveva chiesto alcuna autorizzazione a Regione e Comune - in virtù di un lasciapassare della Fiera che non esiste- ma ha dimenticato che sta violando anche l'art. 55 del Codice della Navigazione per cui qualsiasi opera che si realizza (anche un gazebo) ad una distanza di 30 metri dalla zona demaniale necessita di un nulla-osta.

Si dà il caso che l'area privata della Fiera si esaurisce (vedi il SID della zona) con il marciapiede e la strada è di proprietà comunale (come del resto il lungomare) e quindi tutte le opere ben visibili  sui terrazzi certamente amovibili (che, pero, la soprintendenza non consente ai ristorantini della città vecchia) sono abusivi e necessitano anche del nulla osta della Capitaneria di Porto.

Capitaneria  a tutt'oggi all'oscuro di quanto accade ma che interverrà non appena quelle luci di accenderanno creando problemi alla sicurezza alla navigazione!

Lungi da me entrare nelle diatribe tra i vertiici istituzionali. Vorrei ricordare solo che  sino a qualche anno fa la Fiera aveva il problema di come utilizzare gli utili e di come lo statuto assegnava ed assegni pochi poteri al consiglio di amministrazione, che è quindi più organo di indirizzo politico mentre la gestione è sempre stata nella mani del Segretario(ora Direttore) Generale e del Presidente .

Prova ne è che, mi raccontava un paio di anni fa un suo consigliere, il Presidente aveva assunto anche la delega- d'intesa con la Regione- di stabilire il compenso del Direttore Generale, rimasto sconosciuto a tutti per un po' di tempo ed apparso sul sito della Fiera solo dopo alcun mesi. Non ho dubbi che in questi giorni Vendola, persona intelligente ed avveduto - magari poco avveduto sul piano manageriale per aver confuso il ruolo di Schittulli con quello del suo Direttore Generale.

Ecco la nuova Fiera riparta da una  onesto ravvedimento su tutti il suo management perchè i problemi, di Eataly (anche quelli di danno erariale su cui la Corte dei Conti non potrà chiudere gli occhi) nascono per l'incompetenza a gestire una struttura complessa come la Fiera del Levante.

di Mimmo Magistro
Presidente "I Socialdemocratici"

Leggi anche

Eataly: Emiliano come Ponzio Pilato. Non risponde e si gira dall'altra parte

Eataly: come i venditori di zampina sul lumgomare

Eataly, qualcuno ha calcolato i danni e controllato le autorizzazioni?

Scritto da Redazione
Newsletter



Invest
IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %